menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonus centri estivi 2020, ora valido anche per la fascia 0-3 anni: come funziona

Inizialmente previsto solamente per i minori, a partire dai 3 anni compiuti in poi, ora la possibilità di frequentare i centri estivi è stata estesa anche alla fascia 0-3

Dopo la chiusura delle scuole, ora c’è un nuovo spiraglio per bambini e genitori. Sono i centri estivi, per i quali è possibile richiedere il bonus previsto dal Governo nel Decreto Cura Italia direttamente sul sito dell’Inps.

Inizialmente previsto solamente per i minori, a partire dai 3 anni compiuti in poi, ora la possibilità di frequentare i centri estivi è stata estesa anche alla fascia 0-3.

I centri estivi, tuttavia, rappresentano un costo per le famiglie, e spesso il conto è salato. Tuttavia è possibile richiedere il bonus per centri estivi – lo stesso anche per usufruire di una baby sitter – e vedersi restituire la quota pagata, previa presentazione della fattura emessa dalla struttura. Cerchiamo di capire come funziona.

A chi spetta

Il bonus centro estivo disposto per emergenza Covid-19 può essere richiesta da tutte le categorie di lavoratori:

  • dipendenti del settore privato
  • iscritti in via esclusiva alla Gestione separata Inps
  • autonomi iscritti all’INPS
  • autonomi iscritti alle casse professionali

L’altro genitore non deve risultare percettore di NASPI o di altro strumento di sostegno al reddito, né essere disoccupato o non lavoratore alla data della domanda.

Quanto spetta

La cifra totale messa a disposizione è 1200 euro, 2000 euro se si appartiene a una categoria professionale sanitaria (medici, infermieri, tecnici di laboratorio biomedico, tecnici di radiologia medica e operatori sociosanitari, ma anche al personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico).

Il bonus è utilizzabile fino al 31 luglio 2020.

La cifra spetta per un limite complessivo di 1200/2000 euro per nucleo familiare, e non per singolo figlio.

Chi ha già usufruito precedentemente del bonus di 600/1000 euro disposto per pagare le babysitter, attraverso il Libretto Famiglia, può accedere all’ulteriore cifra stanziata, per raggiungere il limite massimo di 1200/2000 euro.

Come fare richiesta

Per presentare la domanda, bisogna accedere al sito Inps, cercare la voce “Bonus baby-sitting emergenza COVID-19” e accedere al servizio. Si aprirà la scheda prestazione da compilare in ogni sua parte. Dal momento in cui si accederà alla prestazione, bisognerà selezionare la voce “servizi integrativi per l’infanzia” e inserire i dati.

Nell’ultima pagina saranno richiesti i dati della struttura che eroga il servizio ed è necessario inserire la fattura già pagata.

Si ricorda che il bonus per l’iscrizione ai centri estivi e ai servizi integrativi per l’infanzia non può essere fruito per gli stessi periodi di fruizione del bonus nido erogato dall’INPS, ai sensi della legge 232/2016 e successive modifiche e integrazioni.

Il bonus, ovvero la somma richiesta all’ente, sarà accreditata direttamente al richiedente, in caso di comprovata iscrizione ai centri estivi, ai servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia, secondo quanto stabilito nell’art. 72 del dl 34/2020.

La domanda può essere effettuata autonomamente attraverso le proprie credenziali Inps, chiamando il contact center integrato o attraverso i patronati, che offrono il servizio gratuitamente.

Per ulteriori informazioni e delucidazioni, si consiglia di consultare la circolare direttamente sul portale Inps.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento