Economia

Black out in Abruzzo: ecco come richiedere risarcimenti e indennizzi

Il sottosegretario regionale Mazzocca spiega come richiedere risarcimenti e indennizzi dopo l'emergenza neve e sisma che ha colpito l'Abruzzo.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

L'intero mese di gennaio è stato caratterizzato dalla concentrazione di una concomitanza di fenomeni avversi ed eccezionali che rendono l'Abruzzo un caso unico in Italia: 20 milioni di tonnellate di neve con caratteristiche di pesantezza senza precedenti, un susseguirsi di scosse sismiche che hanno avuto il loro epicentro nel territorio aquilano e migliaia di utenze elettriche sospese. In particolare, dal 17 al 25 gennaio 2017, sono state progressivamente riscontrate, su buona parte del territorio regionale, innumerevoli 'disalimentazioni' (interessanti complessivamente circa 200.000 utenze, pari ad oltre 500mila cittadini lasciati senza fornitura), generando una situazione che ha messo in seria difficoltà la popolazione delle zone interessate dal fenomeno.

In relazione a tali eventi, l'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI) prevede rimborsi automatici direttamente nelle bollette, entro circa 3-4 mesi, che variano a seconda della durata dell'interruzione, della tipologia e dell'ubicazione della fornitura. Per quanto riguarda i disagi arrecati da interruzioni che, per cause di forza maggiore, sono state più lunghe rispetto a quelle indicate dalla Delibera n. 646/15 dell'AEEGSI, la società e-distribuzione del Gruppo Enel, che gestisce le reti elettriche di media e bassa tensione, corrisponderà indennizzi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dall'Autorità valutando, inoltre, anche richieste di risarcimento danni materiali ulteriori, ad es. quelli cagionati agli elettrodomestici, qualora il cliente ne fornisca documentazione idonea. Sarà possibile richiedere l'indennizzo aggiuntivo per lunghe interruzioni o il risarcimento danni, compilando l'apposito modulo scaricabile qui: http://e-distribuzione.it/it-IT/Lists/DOCUMENTIRETE/emergenza/Modulo%20Richiesta.pdf Il modulo, se non compilato on line, potrà essere consegnato ad uno degli sportelli di E-distribuzione aperti dalle 8:30 alle 13 e dalle 14 alle 15:30 dal lunedì al venerdì a Pescara (Via Conte di Ruvo, 5); Teramo (Viale Bovio, 40); Giulianova (Via Galilei, 102); Chieti (Via Auriti, 1); Vasto (Via del Porto, 16) e Lanciano (Zona Industriale, Loc. Follani, 30). Inoltre per la gestione delle problematiche legate alle richieste di indennizzo ci si può recare presso il Punto di Contatto Mobile più vicino alla propria residenza, messo a disposizione della cittadinanza da E-distribuzione, in base al calendario sul sito www.enel.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black out in Abruzzo: ecco come richiedere risarcimenti e indennizzi

ChietiToday è in caricamento