Economia

Tua chiude il bilancio 2020 in positivo nonostante le difficoltà e il crollo dei passeggeri

L'azienda è intervenuta energicamente dal punto di vista degli investimenti, rinnovando il parco bus e diminuendo l’età media dei mezzi

La crisi economica causata dalla pandemia ha inciso sul bilancio di Tua, l'azienda del trasporto unico abruzzese, anche per il crollo dei ricavi legati alla vendita dei biglietti e degli abbonamenti. Ma nonostante le difficoltà, la spa è riuscita a chiudere il bilancio in attivo, con un valore della produzione di oltre 104 milioni di euro. 

È il dato più importante emerso nella conferenza stampa di presentazione del bilancio 2020 dell'azienda, a cui hanno partecipato il presidente Gianfranco Giuliante, il direttore generale Maxmilian Di Pasquale, i membri del consiglio di amministrazione e il èresidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

La riduzione complessiva degli incassi è stata fronteggiata dai vertici della Tua grazie ad una serie di risparmi oculati e studiati che hanno riguardato tutte le voci di costo. L’azienda unica della Regione Abruzzo ha assicurato la realizzazione di circa 25 milioni di chilometri, di cui 24 milioni su gomma e circa 790 mila su ferro, con una riduzione appena del 23,5% dei servizi rispetto all’anno precedente per effetto delle limitazioni imposte dalle autorità per contrastare gli effetti della pandemia.

Il 2020 è stato comunque un anno significativo per l’azienda, che ha dato un ulteriore impulso alla politica di sviluppo in termini di rinnovamento del proprio parco mezzi aziendale. Faranno parte della flotta Tua 65 nuovi bus, di cui 10 a metano corti e 5 elettrici. Un segnale importante di ripresa e di ripartenza, ma soprattutto di attenzione alle esigenze dell’utenza, un dato non scontato in un momento di grande difficoltà generale per il settore dei trasporti nazionale. Nell’ultimo biennio 2019-2021, sotto la gestione Gianfranco Giuliante, sono stati introdotti complessivamente in azienda 188 autobus per un valore di 33 milioni di euro. In più, l'azienda ha investito nella realizzazione di 4 nuovi impianti a metano nelle sedi L’Aquila, Teramo, Lanciano e Avezzano per circa 6 milioni di euro.

Tua può contare oggi su 1.363 dipendenti, di cui 1.116 che operano nel ramo gomma, 125 in quello ferroviario e 122 amministrativi. 

Tenuto conto delle esigenze dell’utenza, particolare attenzione è stata dedicata alla nuova release dell’app “TUAbruzzo” che avrà una nuova veste grafica e importanti sviluppi tecnologici per migliorarne la fruizione.

“In un’annata particolarmente complessa e di difficile gestione per tutti i repentini impatti causati dalla pandemia - commenta Giuliante - Tua conferma numeri positivi ed in crescita e punta dritta ad una mobilità sostenibile ed in linea con i parametri europei. Nell’ultimo biennio, Tua è intervenuta energicamente dal punto di vista degli investimenti, rinnovando il parco bus e diminuendo drasticamente l’età media dei mezzi. Segnale questo – ha concluso Giuliante – di una società che lavora nel presente guardando al futuro con fiducia”.

Il presidente Marsilio ha definito il risultato "incoraggiante tenuto anche conto del crollo dei ricavi legati alla vendita dei biglietti e degli abbandonamenti per effetto della riduzione dei passeggeri e il calo degli altri ricavi legati ai servizi offerti. Sono soddisfatto del lavoro svolto dal management della società Tua”.

"Voglio fidarmi dell’impegno assunto dal Governo nazionale – ha incalzato Marsilio – ma siamo a luglio e finora, i circa 7 milioni di euro sottratti all’Abruzzo, non sono stati ancora reintegrati; se ciò non dovesse avvenire nelle prossime settimane saremo costretti, come ci segnalano gli uffici, a ridurre i servizi con un taglio del 10%. Voglio segnalare intanto che l’azienda continuerà a investire nell’acquisto dei nuovi bus e nel potenziamento del traporto ferroviario, con particolare attenzione al trasporto merci: Sangritana è stata per troppi anni abbandonata e ora dobbiamo rimettere in piedi un sistema che possa contribuire ad attrarre investimenti nella nostra regione”.

Sono in corso di ultimazione le dotazioni tecnologiche della linea ferroviaria Archi-Fossacesia, mentre la stazione di Saletti sta diventando idonea al traffico passeggeri. Tra gli investimenti programmati, i più significativi, sono il potenziamento della piastra logistica di Saletti (9 milioni di euro) e della rete ferroviaria a servizio del porto di Ortona (8,3 milioni di euro), l’elettrificazione della tratta Fossacesia-Archi (2 milioni di euro) e la manutenzione straordinaria parziale tratta Ateleta-Castel di Sangro (10 milioni di euro).

“L’Abruzzo – ha concluso il presidente Marsilio – è stata una delle poche regioni in Italia che ha garantito il trasporto pubblico in sicurezza durante la pandemia. A settembre, con la riapertura delle scuole, ripartiremo con sufficiente tranquillità per tutelare i nostri studenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tua chiude il bilancio 2020 in positivo nonostante le difficoltà e il crollo dei passeggeri

ChietiToday è in caricamento