Dalla Baomarc arrivano le rassicurazioni sul reinserimento dei lavoratori ex Honeywell

Lo rende noto l’assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, dopo aver parlato con l’amministratore delegato della società: "Lo stabilimento frentano - conferma -diventerà centrale nella strategia aziendale complessiva"

Dopo la notizia dell’improvvisa scelta di chiudere lo stabilimento di Melfi della Baomarc di trasferire produzione e lavoratori a Lanciano, la proprietà rassicura sugli accordi sottoscritti e sul reinserimento dei lavoratori ex Honeywell, a seguito dell'acquisizione dello stabilimento di Atessa.

Lo comunica l’assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, dopo aver parlato con l’amministratore delegato della società, Andrea Mazzesi. “La società - riferisce l'assessore- dichiara che c'è stato un difetto di comunicazione e che la scelta di chiudere lo stabilimento di Melfi, con trasferimento di maestranze a Lanciano, non pregiudica gli impegni e gli accordi assunti dopo l'acquisizione 'agevolata' dell'ex Honeywell di Atessa. Anzi, lo stabilimento frentano diventa centrale nella strategia aziendale complessiva". 

Febbo conferma anche che a continuerà a vigilare sul pieno rispetto degli accordi presi, confermati anche nell'ultimo tavolo svoltosi al Mise, il 10 giugno scorso: "La priorità di questo governo regionale - conclude - è la soluzione di un’annosa vertenza, ovvero il reinserimento degli ex lavoratori Honeywell”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Esercenti disperati per la perdita del ponte dell’Immacolata: "Abruzzo unica regione rossa: ristori subito"

Torna su
ChietiToday è in caricamento