Ascom Abruzzo Chieti chiede aiuti concreti per il settore turistico fermo da un anno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

ll settore turistico ed in particolar modo quello della agenzie di viaggio è stato duramente colpito dall’emergenza sanitaria ed economica legata al Covid-19. Infatti, l’intera filiera, a prescindere dalle zone rosse, è bloccata ormai da un anno in quanto per ovvie ragioni non è possibile spostarsi se non per motivazioni ben definite e di assoluta necessità.

In questo contesto, occorre un'attenzione particolare da parte degli organi comunali per sostenere, far ripartire e valorizzare meglio tutte le attività legate al comparto che si trovano sul territorio cittadino (agenzie viaggi, B&B, hotel, guide turistiche, musei e teatri ).

Inoltre, molte di queste attività non hanno ricevuto né hanno potuto accedere, per varie ragioni, ai ristori stanziati dalla Regione o dal governo centrale. Auspichiamo che il Comune voglia farsi portavoce con il governo regionale e con il presidente Marsilio affinché queste realtà possano essere supportate con delle azioni mirate e in via prioritaria.

Terminata l'emergenza sanitaria, sarà necessario intervenire con più forza per riportare i turisti nella nostra città: da questa grave crisi si potrà emergere con nuove proposte, con un’offerta di alta qualità, e servizi di eccellenza, tutto ciò andrà programmato anche informando adeguatamente il target di riferimento attraverso una comunicazione mirata. Annalisa De Luca, presidentessa Ascom Abruzzo Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento