Economia

Amazon in Abruzzo: i sindaci fremono per l'insediamento in Val di Sangro

"Nel nostro territorio vi è un’importante quanto strategica area industriale, che ha tutte le caratteristiche in termini di viabilità, collegamenti, servizi, sicurezza e infrastrutture per poter accogliere un’attività produttiva logistica di un’azienda internazionale come Amazon” spiegano


Sindaci uniti per sostenere la candidatura in Val di Sangro del nuovo impianto Amazon dopo un incontro avuto nella sala del Consiglio comunale di Fossacesia. I sindaci e le amministrazioni locali dei comuni che fanno parte dell’area industriale della Val di Sangro: di Lanciano, Mario Pupillo, di Atessa, Giulio Borrelli, di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, di Paglieta, Ernesto Graziani, di Casoli, Massimo Tiberini, di Castel Frentano Gabriele D’Angelo, di Fallo, Pierpaolo Salerno, di Santa Maria Imbaro, Maria Giulia Di Nunzio, di Mozzagrogna, Tommaso Schips, di Torino di Sangro, Nino Di Fonso ribadiscono il loro impegno e sostegno a tutte quelle azioni che si intraprenderanno perché la scelta di Amazon ricada nell’area sangrina.

“Nel nostro territorio vi è un’importante quanto strategica area industriale, che ha tutte le caratteristiche in termini di viabilità, collegamenti, servizi, sicurezza e infrastrutture per poter accogliere nel territorio comunale di Fossacesia, che ricade nella Val di Sangro, un’attività produttiva logistica di un’azienda internazionale come Amazon” spiegano.

Sempre nei giorni scorsi, il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, ha chiesto al presidente Marco Marsilio qual è la posizione della Regione in merito alla decisione dell’azienda e-commerce di realizzare il nuovo impianto nell’Autoparco di San Salvo anziché in Val di Sangro, come in un primo momento prospettato. “Ci interroghiamo sulle ragioni per le quali Amazon, nello stesso momento in cui aveva davanti le valutazioni dei professionisti che illustravano la bontà della scelta in Val di Sangro, contemporaneamente mostrerebbe interesse per l’Autoparco di San Salvo. Amazon è libera di scegliere, ci mancherebbe, ma da parte nostra vogliamo comprendere il perché quest’area, che è baricentrica nel sud dell’Abruzzo e può soddisfare la domanda di lavoro che proviene da tutta la regione ed in particolare dalle aree chietino-pescarese, Ortona, Sangro-Aventino, Lanciano, Vastese, non sia stata ancora scelta definitivamente”.

Nei prossimi giorni i sindaci dell’area industriale Val di Sangro scriveranno al presidente della Regione Marco Marsilio ed al ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amazon in Abruzzo: i sindaci fremono per l'insediamento in Val di Sangro

ChietiToday è in caricamento