Economia

Il grido d'allarme dei ristoratori dei piccoli centri: “Così ci annientano, devono permetterci di lavorare”

Per il Consorzio Qualità Abruzzo, che conta più di 70 associati in tutta la regione tra ristoratori, pasticcieri e produttori, il nuovo Dpcm spazza via anche l’ultima speranza nei piccoli centri

“Perché questo accanimento con i ristoranti dei piccoli centri? Perché chiudere nelle festività che per noi rappresentano i giorni di maggior lavoro, tutti i comuni senza tener conto del numero degli abitanti?”. Se lo chiedono i ristoratori abruzzesi del consorzio Qualità Abruzzo, che conta più di 70 associati tra ristoratori, pasticcieri e produttori. Forte è il malcontento per le drastiche decisioni prese dal governo che infliggono all’intero settore della ristorazione l’ ennesimo duro colpo.

Il nuovo Dpcm firmato dal presidente Conte stabilisce che i ristoranti potranno restare aperti sempre fino alle ore 18 in zona gialla (ricordiamo che l’Abruzzo è ancora zona rossa) ma dal momento che viene imposto il divieto di uscire dal proprio comune di residenza nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno a farne le spese saranno proprio gli esecizi dei piccoli Comuni, di cui l’Abruzzo è pieno. Molti di questi locali, nel fine settimana vengono raggiunti da appassionati e affezionati disposti a macinare chilometri pur di gustare i propri piatti preferiti e bere un vino d’annata.

Per questo il consorzio ha deciso di rompere il silenzio: per il presidente di Qualità Abruzzo Sandro Ferretti è necessario dimostrare che “la nostra non è una categoria minore, anzi, siamo il motore della nostra nazione, ricca di tesori naturali, artistici, storici ed enogastronomici. Senza il turismo, tenendo l’interno comparto enogastronomico così fermo, stiamo colando a picco tutti e non possiamo permettercelo. Rivolgeremo subito il nostro appello alla Regione Abruzzo e poi a Conte, chiederemo la revisione dei codici Ateco se necessario perché non abbiamo più la possibilità di non lavorare. Durante il primo lockdown – spiega ancora -  chi ha potuto ha anticipato con i propri fondi la cassa integrazione ai dipendenti, ma adesso non ce la facciamo più”. 

Il rischio è che attività storiche, aziende, ristoranti stellati e piccole trattorie che con anni di profondo sacrificio hanno fatto dell’Italia il paese più bello al mondo chiudano definitivamente.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il grido d'allarme dei ristoratori dei piccoli centri: “Così ci annientano, devono permetterci di lavorare”

ChietiToday è in caricamento