Economia

Agroalimentare in Abruzzo, risultati positivi: +17 le esportazioni

L'assessore regionale Mauro Febbo analizza i dati Istat del primo semestre 2012: "Con un +17% anche nel secondo trimestre 2012 i dati sono estremamente incoraggianti"

I dati Istat sulle esportazioni dell’agroalimentare abruzzese sono incoraggianti: anche nel secondo trimestre 2012 si conferma un trend del +17%.

 L’assessore regionale alle Politiche agricole, Mauro Febbo commenta con soddisfazione i risultati relativi ali interscambi commerciali d'Abruzzo. "Un importante risultato - spiega -  ottenuto grazie ai dati registrati dalle colture agricole non permanenti, ossia piante che non durano più di due stagioni come i cereali, che hanno registrato un importante +21% rispetto al primo semestre 2011. Gli interscambi della pasta - prosegue - sono cresciuti dell’8%; tiene bene sul mercato internazionale anche il vino che con un ulteriore lieve incremento prosegue la marcia, nonostante il cambio euro/dollaro non ci favorisca, di avvicinamento al raggiungimento dell’ambizioso obiettivo di superare i 100 milioni alla fine del 2012".

Segno positivo anche per gli altri prodotti alimentari (+12%) e quelli delle industrie lattiero-casearie. "In un momento difficile caratterizzato dalla conclamata congiuntura negativa, mondiale e nazionale- dice ancora Febbo - sono ancora e incoraggianti le notizie che arrivano dalle esportazioni dei prodotti agricoli regionali che nel complesso hanno fatto registrare un incremento del 17%: dai 27 milioni del primo semestre 2011 agli oltre 32 milioni del 2012, al quale bisogna aggiungere il +2,4% alla voce prodotti alimentari e bevande".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agroalimentare in Abruzzo, risultati positivi: +17 le esportazioni

ChietiToday è in caricamento