Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia

Accordo Comune e Camera di Commercio per rivitalizzare il centro

Il patto della durata di un anno prevede di promuovere iniziative per rianimare il commercio del centro cittadino e costerà 200 mila all'ente camerale e 70 mila al Comune. In arrivo nuovi arredi urbani e i parcheggi di scambio

Un accordo annuale di partenariato per mettere in campo interventi che rivitalizzino le attività economiche del centro storico. È stato firmato stamani (giovedì 7 marzo) dal sindaco Umberto Di Primio e dal presidente della Camera di Commerico, Silvio Di Lorenzo, alla presenza dell’assessore alle Attività produttive, Antonio Viola.

Il patto, che potrà essere prorogato su richiesta di una delle due parti, prevede una collaborazione di 200 mila euro a carico dell’ente camerale e 70 mila del Comune. Obiettivo è non soltanto a valorizzare il commercio del centro cittadino, ma anche dar vita ad attività che per il sindaco “produrranno effetti positivi anche sulla rivitalizzazione del centro, sulla sua sistemazione e sull’arredo, nonché sulla risoluzione di ciò che lo studio individua quali criticità”. Lo stesso accordo riguarda anche le città di Lanciano e Vasto.

Per i prossimi 12 mesi il Comune e la Camera di commercio si impegneranno per programmare e coordinare azioni che costruiscano una forte identità territoriale nella rete distributiva e nelle filiere produttive; ad incentivare la costituzione di nuove attività in centro; a promuovere eventi e manifestazioni che riescano ad animare la città; a realizzare attività di comunicazione, di supporto ai consumi e agli acquisti in maniera coordinata.

Per far questo si costituirà un comitato tecnico, composto da un rappresentante per ciascuno dei soggetti partner. I suoi compiti saranno assumere le decisioni principali sulla realizzazione di un programma di interventi per la rivitalizzazione delle attività economiche dei centri storici, promuovere, coordinar e verificare le attività attribuite alle singole parti e le risorse finanziarie; valutare periodicamente lo stato di realizzazione del programma.

Primo passo è l’attivazione dei parcheggi di scambio: gli utenti potranno posteggiare l’auto al Palatricalle o alla stazione ferroviaria e da lì andare sul colle grazie a convenzioni particolari con i tassisti e con i mezzi pubblici. In più a breve il centro storico si arricchirà di nuovi arredi urbani, per il quale c’è già il nulla osta della Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici d’Abruzzo.

“È inutile fare la guerra contro i mulini a vento, ovvero la grande distribuzione – dice il sindaco – perché bisogna tentare di creare le condizioni adatte affinchè ci siano la valorizzazione e la promozione di un commercio diverso, che possa avere anche un’utenza condivisa con il centro commerciale, ma che poi si distingua per i suoi prodotti di nicchia e per il suo brand”.

Lo studio su cui è costituito l’accordo si basa su un’analisi attenta delle criticità e dei pregi della realtà cittadina“Per la città di Chieti – dice Di Lorenzo - abbiamo la criticità dei parcheggi o quella dell’arredo urbano ma sono convinto che le collaborazioni con le associazioni di categoria e l’utilizzo di  questo strumento di marketing gioveranno allo sviluppo e alla crescita della città”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo Comune e Camera di Commercio per rivitalizzare il centro

ChietiToday è in caricamento