rotate-mobile
Economia

Province, Chieti e Pescara unite nella gestione dei servizi informatici

Accordo fra i due Enti e l'Agenzia regionale per l'Informatica e la Telematica per la gestione associata dei servizi comuni entro il 2016. E’ il primo esperimento in Italia di accordo tra Province limitrofe

Provincia di Chieti e provincia di Pescara si ritrovano unite per la gestione associata di servizi informatici e telematici. E’ il primo esperimento in Italia di accordo tra province limitrofe. L’accordo è stato siglato stamani fra i due Enti e l’Arit (Agenzia regionale per l'Informatica e la Telematica): entro il 2016 si prevede la gestione associata dei servizi comuni a Chieti e Pescara, per migliorare l'efficienza degli servizi stessi e ottenere risparmi significativi. Alla stipula erano presenti i presidenti delle province di Chieti e di Pescara, Mario Pupillo e Antonio Di Marco, assieme ai rispettivi segretari generali Angelo Radoccia e Antonello Langiu e al presidente dell’Arit, Andrea Grilli.

Il progetto prevede innanzitutto la creazione di una piattaforma informatica unica, con condivisione di software e con il supporto di Arit, che permetterà di operare insieme, anche in vista della creazione di un polo informatico unico in grado di offrire i propri servizi ai Comuni delle povince interessate, realizzando un sistema più efficiente ed efficace. Il progetto nasce senz’altro dall’esigenza delle province di fare fronte comune in seguito alla progressiva riduzione delle risorse finanziarie messe a disposizione, ma è anche vero, sostengono gli amministratori provinciali, che non ha più senso separare gli interventi e le politiche se si parla, ad esempio, del fiume Pescara o della viabilità tra Pescara e Chieti. “Secondo noi è questo il futuro degli 'Enti di area vasta', così come le attuali Province saranno chiamate dal prossimo anno, quando entrerà in vigore la riforma costituzionale" sottolinea Mario Pupillo.

LEGGE DELRIO -  Intanto, in seguito all’applicazione della legge Delrio, le Province di Pescara e Chieti hanno subito una riduzione del personale del 30%, passando dagli oltre 400 dipendenti del 2010 per entrambe, agli attuali 280 di Chieti e 270 di Pescara. Il numero dei dirigenti è stato ridotto drasticamente a Chieti da 11 a 2 e a Pescara da 9 a 5.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Province, Chieti e Pescara unite nella gestione dei servizi informatici

ChietiToday è in caricamento