menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In Abruzzo sono cresciute le presenze turistiche durante l'estate 2018

Incremento positivo, ma la regione è al 17esimo posto nella classifica nazionale. A Teramo migliore performance

Cresce il turismo estivo in Abruzzo che a giugno, luglio e agosto 2018 ha registrato un incremento di arrivi (+1,5%) e di presenze (+2,3%) rispetto all'anno precedente.

I dati, sono il frutto di un’analisi effettuata su un campione del 60% dei posti letti censiti e sono ancora sottoposti “a controlli e verifiche di congruità”. La provincia che che ha contribuito maggiormente alla perfomance positiva è stata Teramo con +3,5% di arrivi e +2,6% di presenze. Le spiagge abruzzesi continuano ad avere un appeal positivo: crescono dello 0,9% gli arrivi e del 2,3% le presenze. Anche il sistema dei parchi naturali registra un andamento incoraggiante: rispetto al 2017 (diversi centri turistici montani sono nell’area del cratere sismico) gli arrivi hanno registrato +4,4% e +3,6% le presenze.

Le statistiche sono state illustrate dall’assessore regionale al turismo, Giorgio D’Ignazio, nel corso di una conferenza stampa.

Nella classifica nazionale, la regione Abruzzo è posizionata al 17° posto, precede l’Umbria e la Valle d’Aosta, con 6.193.473 turisti censiti nelle strutture recettive. “Non mi appassionano i dati o le classifiche – ha dichiarato D’Ignazio – tuttavia, la nostra regione è tornata a essere appetibile dal punto di vista turistico, grazie a una offerta migliore e competitiva, dopo gli anni 2016 e 2017 caratterizzati dai noti eventi calamitosi naturali. Abbiamo messo in rete il sistema dei trasporti, partendo dall’aeroporto – ha aggiunto – e il sistema degli operatori turistici regionali al fine di pianificare strategie efficaci sul territorio per migliorare l’incoming. I risultati sono positivi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento