Economia

Abruzzo al quarto posto in Italia per aumento dei prezzi: stangata annua da 3.400 euro per le famiglie

Il Codacons Abruzzo lancia l'allarme dopo la pubblicazione dei dati Istat riguardanti l'inflazione e l'aumento dei prezzi

L'Abruzzo è fra le regioni con l'aumento più significativo dei prezzi. A dirlo è il Codacons, che ha stilato una classifica delle regioni italiane in base ai dati definitivi ricevuti dall'Istat, considerando gli aumenti più pesanti del mese di ottobre. La nostra regione si colloca al quarto posto.

"Un incremento quello dei listini – spiega il Codacons - che ha effetti diversi sulle famiglie, a seconda della regione di residenza. La spesa annua per consumi dei nuclei residenti, infatti, è fortemente diversificata sul territorio, con le famiglie del nord che spendono di più rispetto a quelle che vivono nel Mezzogiorno. Questo significa che il tasso di inflazione ha effetti differenti sulle tasche dei consumatori".

L'associazione dei consumatori, considerando la crescita dei prezzi registrata dall’Istat ad ottobre nelle varie regioni, e senza considerare possibili tagli dei consumi da parte delle famiglie, ha elaborato la classifica delle regioni italiane dove i listini al dettaglio crescono di più, e i conseguenti effetti sulla spesa dei nuclei residenti. In Abruzzo l'inflazione è al 12,9%, contro una media italiana dell'11,8%. L'aumento annuo di spesa per una famgilia è di 3.395 euro, a fronte di una media nazionale di 3.625 euro. La regione con il tasso d'inflazione più alto è la Sicilia al 14,4%, quella gli aumenti più contenuti la Valle d'Aosta all'8,8%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abruzzo al quarto posto in Italia per aumento dei prezzi: stangata annua da 3.400 euro per le famiglie
ChietiToday è in caricamento