In Abruzzo le crepes senza uovo si chiamano "rivotiche"

1 chilogrammo di farina

500 ml di acqua tiepida

sale q.b.

olio di semi

Procedimento

Versare farina e sale in una ciotola e mescolare. Far scaldare l'acqua in un pentolino fino a farla diventare tiepida e versarla poco alla volta nel composto di farina e sale, mescolando con una frusta, fino a ottenere un impasto liscio. 

A quel punto, mettere sul fuoco una padella dai bordi bassi, unta di olio di semi. Quando la padella è calda, versare il camposto con un piccolo mestolo e muovere la padella per farlo spargere. Cuocere a fuoco medio, quando un lato è pronto, rovesciare la "rivotica" per cuocere anche l'altro, poi metterla in un piatto con la carta assorbente.

Farla raffreddare e farcire lasciando spazio alla fantasia!

La ricetta

Chi ha detto che la cucina tradizionale abruzzese non è adatta anche ai vegetariani? Un piatto a prova di vegan sono le "rivotiche", una sorta di crepes senza uova né latte, da poter mangiare sole o farcire con marmellate, cioccolata o ingredienti salate. Semplicissime da preparare, sono uno dei punti di forza della massaie abruzzesi.

Chi ha detto che la cucina tradizionale abruzzese non è adatta anche ai vegetariani? Un piatto a prova di vegan sono le "rivotiche", una sorta di crepes senza uova né latte, da poter mangiare sole o farcire con marmellate, cioccolata o ingredienti salate. Semplicissime da preparare, sono uno dei punti di forza della massaie abruzzesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Abruzzo le crepes senza uovo si chiamano "rivotiche"

ChietiToday è in caricamento