menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I piatti della tradizione: il brodetto alla "uastareule"

Certificato con il Marchio di qualità, che è suggello della provenienza originale e della sua preparazione a regola d’arte, il brodetto alla vastese è una delle versioni esistenti in Italia di brodetti del mare Adriatico, tutte simili nell’origine e negli ingredienti principali, ma che si differiscono per piccoli particolari della ricetta e della preparazione

Certificato con il Marchio di qualità, che è suggello della provenienza originale e della sua preparazione a regola d’arte, il brodetto alla vastese è una delle versioni esistenti in Italia di brodetti del mare Adriatico, tutte simili nell’origine e negli ingredienti principali, ma che si differiscono per piccoli particolari della ricetta e della preparazione. 

Il brodetto alla “uastareule”, alla vastese, ha origine dalla cosiddetta “scafetta” che, a fine giornata lavorativa, l’armatore regalava ai pescatori. Dentro c’erano i pesci poveri dell’Adriatico, che poi i pescatori, sbarcati per tornare a casa, mentre risalivano verso il paese, offrivano ai contadini in cambio di alcuni ortaggi. E proprio da questa abitudine nasce la particolarità del brodetto vastese, che rappresenta il connubio fra i sapori del mare e quelli della terra. 

Altra particolarità che lo rende unico, è il fatto che, durante la cottura, il coperchio non viene mai alzato, ma rimane sempre ben chiuso e i pesci non sono girati, ma mossi esclusivamente con un movimento rotatorio effettuato prendendo la pentola dai due manici. Inoltre, è rigorosamente vietato aggiungere acqua, brodo o aceto, così come il soffritto. 

Il brodetto, per i vastesi è così importante da essersi conquistato una pagina sul sito istituzionale del Comune, dove Pino Jubatti, studioso di lingua e cultura locale, ha ricostruito le sue origini e la ricetta originaria.

Nel “vrudàtte”, come dicono i vastesi doc, vanno non meno di sei varietà di pesci pescati nel tratto di mare fra Ortona e Vasto, oltre a olio d’oliva locale, pomodori “mezzotempo” freschi, aglio, peperone verde dolce, prezzemolo, sale e, per i più audaci, un peperoncino rosso fresco e piccante. Il piatto si serve a tavola senza scoperchiare il coccio, accompagnato da pane abbrustolito e vino bianco. È un piatto unico, ma una volta finito il pesce, i più audaci mettono su l’acqua per la pasta, rigorosamente lunga, che viene poi servita nel coccio dov’era il brodetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento