rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021

Ricette della tradizione: "ciammaiche" al sugo

Lumache per tutto il resto d'Italia, in Abruzzo si chiamano "ciammaiche", da raccogliere e gustare dopo un lungo procedimento

  • Categoria

    Secondo
  • Difficoltà

    Facile

80 lumache di terra

acqua

aceto 

sale 

300 grammi di pangrattato

aglio

prezzemolo

100 grammi di pecorino grattugiato

300 grammi di pomodoro

olio extravergine d'oliva

basilico

Procedimento

La preparazione della ricetta, ovviamente, inizia dalla ricerca delle lumache ai bordi delle strade di campagna. Una volta che si è racimolato un bel numero di "ciammaiche", si fanno bollire ripetutamente con aceto e sale, finché l'acqua non contiene più schiuma: solo allora, infatti, le lumache si sono effettivamente depurate e diventano commestibili. 

A questo punto, la lumaca si può sgusciare, mediante un foro nel guscio e va lavata a parte. Si mischiano pangrattato, aglio, prezzemolo e pecorino e con questo impasto si chiude come un tappo il gusco ripieno della lumaca. Dopodiché si ricuoce tutto in un sugo di pomodoro semplice, arricchito con basilico.

La ricetta

Non è raro, quando si viaggia in auto per le strade delle campagne abruzzesi, trovare dopo una giornata di pioggia passeggiatori con una busta ben attenti a guardare a terra: sono i "cercatori" di lumache, "ciammaiche" in Abruzzo. Visto che escono allo scoperto soltanto dopo un'acquazzone, gli appassionati di questa pietanza non esitano a uscire in cerca del loro piatto preferito. 

Non è raro, quando si viaggia in auto per le strade delle campagne abruzzesi, trovare dopo una giornata di pioggia passeggiatori con una busta ben attenti a guardare a terra: sono i "cercatori" di lumache, "ciammaiche" in Abruzzo. Visto che escono allo scoperto soltanto dopo un'acquazzone, gli appassionati di questa pietanza non esitano a uscire in cerca del loro piatto preferito. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricette della tradizione: "ciammaiche" al sugo

ChietiToday è in caricamento