Pasta "a lu sparon", il primo tipico d'Abruzzo

  • Categoria

    Primo

La ricetta

Abruzzese

Meno nota fuori d'Abruzzo rispetto ad altre ricette tradizionali, la pasta "a lu sparon", allo sparone, è un rotolo di pasta all'uovo ripieno di ricotta e spinacci, che viene poi lessato, tagliato a rondelle e condito con il sugo o lasciato in bianco con besciamella o parmigiano. Lo "sparon" è il canovaccio con cui il rotolo di pasta viene avvolto prima di essere scaldato in acqua salata, per circa un'ora. Un procedimento molto particolare, che mantiene la pasta morbida e compatta.

Preparazione

Puliti e lavati gli spinacci, vanno fatti appassire in un tegame, senza acqua. Dopodiché, si possono rosolare per qualche minuto in padella con olio e cipolla tritata. A questo punto, si possono unire a ricotta, parmigiano, sale e pepe.

La sfoglia si prepara lavorando la farina con le uova, fino a ottenere un panetto liscio e compatto, che si lascia riposare per una mezz’ora. A quel punto, si stende la pasta con il matterello, finché non si ottiene uno spessore di 2-3 millimetri, vi si adagia sopra il ripieno e si arrotola la sfoglia, formando un rotolo che si chiude ai bordi. 

Ecco che si può usare lo "sparone", il canovaccio: qui va avvolto il rotolo di pasta e poi si chiude tutto con uno spago da cucina, cuocendo in acqua bollente salata per un'ora. 

Quando è cotto, si slega il rotolo, si toglie il canovaccio e si taglia a rondelle, che vanno messe in una teglia da forno con il sugo e una spolverata di parmigiano, facendo gratinare per una ventina di minuti.

Torna su
ChietiToday è in caricamento