Cronaca Filippone

Urla e botte dalla palazzina, carabiniere si arrampica dalla finestra e interrompe la zuffa: un arresto

Su uno dei due coinvolti pendeva un ordine di carcerazione per furto. I carabinieri allertati dai vicini. L'episodio in un'abitazione del centro di Chieti

Prima la zuffa, poi l’arresto: è quanto accaduto in un’abitazione del centro di Chieti da dove provenivano urla e lamenti che avevano indotto i vicini a chiamare il 112.

I carabinieri, subito intervenuti, al primo piano di una palazzina avevano tentato di farsi aprire la porta. A quel punto siccome la finestra della cucina era aperta, un militare si è arrampicato riuscendo così ad entrare nell’abitazione. Inverosimile la scena che si è trovato davanti: due giovani albanesi erano distesi a terra mentre si affrontavano. I due sono stati separati e, soltanto dopo averli riportati alla calma, dai successivi accertamenti è emerso che su uno dei due pendeva un ordine di carcerazione per espiare due anni e mezzo di reclusione per aver commesso un furto nel comune di Imperia.

A quel punto è stato inevitabile l’arresto. Il soggetto è stato tradotto presso la casa circondariale di Chieti.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urla e botte dalla palazzina, carabiniere si arrampica dalla finestra e interrompe la zuffa: un arresto

ChietiToday è in caricamento