Cronaca Madonna degli Angeli

Università in centro, un bando anche per via Gran Sasso

Il Consigliere Comunale del PDL Emiliano Vitale esprime in una nota la possibilità, oltre al Conservatorio dell’Addolorata, di accogliere lo studentato in città nella struttura in via Gran Sasso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Dopo la notizia del cofinanziamento regionale fortemente voluto dall'Assessore regionale Mauro Febbo e dal Sindaco Di Primio sul recupero del Conservatorio dell'Addolorata del centro storico cittadino che darà possibilità di far risiedere diversi studenti nel cuore della città è necessario affrontare anche la vicenda che riguarda la struttura che è situata in Via Gran Sasso.

Una situazione che, come spesso succede, ha avuto tempi lunghi e stop nella realizzazione e dove al di là di diatribe documentali e modalità di affidamento della gestione, detta struttura non vede ancora aprire i battenti.

La struttura fu finanziata con delibera regionale e l'Ater aggiunse circa un milione e settecento mila euro per il suo completamento e non potendo oggi gestirla direttamente ha optato per cedere a terzi la stessa, demandando, a eventuali gestori, la manutenzione e con una richiesta di fitto calmierato.

Sia l'Ater che la Regione sollecitata rispettivamente dall'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Di Primio e dallo stesso Assessore Mauro Febbo per mezzo del suo collega Assessore regionale ai lavori pubblici Angelo Di Paolo, avranno un incontro a breve per chiarire la legittimità della richiesta dell'Adsu, che rivendica la gestione a titolo gratuito e senza oneri a proprio carico.

Si potrà decidere eventualmente e al più presto per un bando di gara per l'affidamento a enti pubblici o a privati.

L'Assessore regionale Mauro Febbo e l'Amministrazione Comunale si stanno adoperando fattivamente per chiarire i dubbi, con l'Assessore Angelo Di Paolo e gli Uffici dell'assessorato ai Lavori pubblici, per poi eventualmente intraprendere la strada della pubblicazione di un Bando di gara.

Già tempo addietro l'Amministrazione comunale si è fatta promotore di un incontro fra Ater, Adsu per iniziare a riavviare il confronto fra le parti interessate.

A chiudere il cerchio mancherebbe solo ed esclusivamente l'eventuale Bando destinato all'affidamento della gestione della struttura, che si auspica possa essere espletato nel più breve tempo possibile, per creare maggiori condizioni affinché il centro storico possa tornare a vivere anche grazie alla presenza dello studentato.

Al contempo, grazie alla riqualificazione ed utilizzo di questi contenitori vuoti, si potrà finalmente offrire al sistema universitario del capoluogo teatino la possibilità di poter tornare ad interagire con la città di Chieti.

L'Amministrazione Comunale, pur non avendo potere decisionale, ha assunto un ruolo di coordinamento affinché l'impegno dell'Assessore Febbo e l'attività dell'Ater, possano presto concretizzarsi nell'apertura di questa residenza che rappresenta un altro tassello importante inserito nel programma amministrativo del Sindaco Di Primio.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università in centro, un bando anche per via Gran Sasso

ChietiToday è in caricamento