Cronaca

Renzi a L'Aquila, operatori Trabocchi: "Il premier ci disprezza"

Gli operatori turistici della Costa dei Trabocchi, sconcertati dopo la visita del premier Renzi a L'Aquila, rimarcano la volontà popolare di bloccare il progetto Ombrina mare di fronte alla costa teatina

"Non è possibile che il premier di governo Matteo Renzi venga in Abruzzo senza avere un confronto con chi non è in accordo con la petrolizzazione del nostro mare e della nostra regione": gli operatori turistici della Costa dei Trabocchi si dicono sconcertati dopo la visita del premier Renzi a L'Aquila e rimarcano la volontà popolare di bloccare il progetto Ombrina mare di fronte alla costa teatina.

"E' vergognoso che la presenza di un premier sia solo per santificare i propri adepti senza un confronto ed un ascolto della società civile, economica e sociale del territorio. - aggiungono - il premier di un governo deve farsi carico responsabilmente delle ragioni di tutti e non solo di quelle di petrolieri e di lobby finanziarie che stanno dietro ai progetti scellerati che questo governo vorrebbe a tutti i costi portare avanti senza prendere coscienza che le ragioni degli abruzzesi di contrarietà sono basate su valutazioni ragionate e sensate. Ribadiamo per l'ennesima volta che Ombrina mare non è compatibile con l'attività turistica, agrituristica, commerciale, agricola dell'Abruzzo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzi a L'Aquila, operatori Trabocchi: "Il premier ci disprezza"

ChietiToday è in caricamento