Botte e minacce ai genitori per comprare alcol e sigarette: 39enne finisce in carcere

I carabinieri di Castiglione M. Marino lo hanno arrestato per estorsione continuata nei confronti dei genitori. Che hanno deciso di denunciarlo

immagine di archivio

La perdita del lavoro da parte dell’arrestato e la sua dipendenza dall’alcol negli ultimi mesi avevano determinato una situazione di terrore da parte dei suoi genitori i quali, dopo ripetute minacce e violenze fisiche subite si sono rivolti ai carabinieri di Castiglione Messer Marino e hanno deciso di denunciarlo.

E così ieri, al termine delle indagini, i militari hanno dato seguito ad un’ordinanza di misura cautelare emessa dal tribunale di Vasto: in carcere è finito un 39enne del posto. L’accusa è di estorsione continuata effettuata nei confronti dei genitori 60enni, con i quali viveva.

Alla base delle violenze c'erano le continue richieste di denaro, circa 20/30 euro al giorno, che l’arrestato chiedeva per comprare alcol e sigarette. Quando i genitori, che vivono con una piccola pensione, non riuscivano a soddisfare le richieste del figlio, scattavano le minacce e violenze fisiche.

Una situazione durata circa un anno, fino alla decisione di sporgere denuncia da parte della coppia e al successivo arresto. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

  • La migliore pizzeria delivery di Chieti è Fermenta: il punto di vista del titolare Luca Cornacchia

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

Torna su
ChietiToday è in caricamento