menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenta pensionata in spiaggia, l'aggressore non risponde al gup

Davanti al gup del tribunale di Chieti il somalo di 20 anni arrestato dai carabinieri con l'accusa di violenza sessuale ai danni di una 68enne si è avvalso della facoltà di non rispondere

E' rinchiuso nel carcere di Madonna del Freddo a Chieti il ventenne somalo arrestato dai carabinieri con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una 68enne sulla spiaggia di Ripari Bardella di Ortona.

Questa mattina durante l'interrogatorio davanti al gup del tribunale di Chieti il giovane, che era assistito da un interprete di lingua inglese, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il giudice Luca De Ninis si è riservato la decisione sulla richiesta di convalida dell'arresto e la custodia cautelare in carcere avanzata dalla procura.

Secondo l'accusa l'arrestato dopo avere preso una birra al bar, ha molestato una donna scesa dall'auto per scaricare la spesa. Davanti alle urla di quest'ultima si è denudato allontanandosi in direzione della spiaggia, mentre alcune persone presenti allertavano il 112. Sull'arenile ha poi incontrato la 68enne e l'ha costretta a compiere atti sessuali. Nonostante l'orrore e la paura quest'ultima è riuscita a divincolarsi, rifugiandosi in acqua. A quel punto sono arrivati i carabinieri, che hanno arrestato immediatamente il somalo per violenza sessuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento