Villa Pini, Cisl Fp denuncia lungaggini nella liquidazione dei lavoratori

"Centinaia di lavoratori - denuncia il segretario generale Traniello - aspettano di recuperare, anche parzialmente, le mensilità maturate nei confronti del vecchio datore di lavoro"

Allarme del segretario della Cisl Fp Vincenzo Traniello sulle lungaggini della vertenza Villa Pini, che si trascina da 6 anni, dopo il fallimento del gruppo di Vincenzo Angelini, senza trovare ancora una fine. "Centinaia di lavoratori - denuncia - aspettano di recuperare, anche parzialmente, le mensilità maturate nei confronti del vecchio datore di lavoro". Nel 2013, infatti, la clinica di via dei Frentani è stata veduta al gruppo Santa Camilla, e negli ultimi mesi ha subito non poche rivoluzioni con lo spostamento dei posti letto nelle cliniche private del pescarese. Ma c'è chi ancora aspetti stipendi degli anni precedenti. 

"Non ci sono più motivazioni valide per ritardare la liquidazione delle competenze dei lavoratori dell'ex clinica Villa Pini da parte della Curatela dopo il superamento del contenzioso con la proprietà Santa Maria de Criptis. Inoltre, ci sembra singolare che i creditori privilegiati, quali gli ex lavoratori del gruppo, non hanno alcuna rappresentanza all'interno del Comitato dei creditori e la curatrice aveva assicurato il pagamento delle spettanze dei lavoratori appena concluso il contenzioso con il gruppo Santa Maria de Criptis". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cisl Fp auspica "un'immediata liquidazione, anche parziale, delle spettanze dei lavoratori. E ancora: "Le istituzioni, il curatore e lo stesso giudice fallimentare a cui è stata affidata la responsabilità del gruppo, non possono ignorare le drammatiche situazioni che vivono centinaia di famiglie, le quali, per far fronte a impegni economici quotidiani, sono state costrette a contrarre mutui o prestiti onerosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una bimba abruzzese disegna il nuovo peluche venduto da Ikea

  • Negozio di abbigliamento cerca personale per imminente apertura al Megalò

  • VIDEO - Facevano acquistare alla Asl protesi a prezzo gonfiato: quattro persone arrestate e 2 medici sospesi

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutti i divieti e le restrizioni in vigore per un mese

  • Serve clienti al bancone dopo le 18: barista sanzionato dai carabinieri

  • Il Comune di Chieti procede con le assunzioni: 12 figure entro fine anno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento