rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca San Salvatore

Villetta esplosa al San Salvatore: sette indagati per omicidio colposo

Nel registro degli indagati l'idraulico e l'elettricista che realizzarono l'impianto termico. Un superperito arriverà oggi per stabilire chi è il responsabile della morte di Anna Rita Del Ponte

Sette indagati per l'esplosione del villino al San Salvatore il 23 novembre scorso, a causa del quale perse la vita Anna Rita Del Ponte, 56anni, segretaria in uno studio legale a Chieti. L'esplosione avvenne per una fuga di gas in atto dall'impianto di riscaldamento autonomo, ricaricato pochi giorni prima e sarebbe stata provocata dall'accensione di un interruttore elettrico.

La Procura di Chieti aveva sequestrato l'immobile e avviato un'inchiesta. Adesso il sostituto procuratore Rosangela Di Stefano ha iscritto sul registro degli indagati sette persone con le ipotesi di reato di crollo e omicidio colposo. Tra gli indagati figurano l'idraulico e l'elettricista che realizzarono l'impianto termico, il collaudatore del bombolone, i rappresentanti di un'azienda distributrice di gas e l'autista che effettuò l'ultimo rifornimento.

Oggi, 24 febbraio, i sette dovranno presentarsi in Procura. Da Campobasso arriverà un superperito del corpo dei Vigili del Fuoco per stabilire chi è il responsabile di quella tragedia evitabile.

Quella mattina rimase miracolosamente illesa la figlia della donna, che era in casa con lei ma in un'altra ala dell'appartamento.

Esplosione villetta Chieti 23.11.2013

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villetta esplosa al San Salvatore: sette indagati per omicidio colposo

ChietiToday è in caricamento