Cronaca

Via Verde della Costa dei Trabocchi: i fondi tra un mese

Tra un mese la firma della convenzione con la Regione, subito dopo partirà la procedura per indire la gara d’appalto. Provincia e Comuni d’accordo sull’erosione: è necessario un intervento di difesa e potenziamento dell’intera costa

I fondi per acquistare l’ex tracciato ferroviario su cui dovrà sorgere la Via Verde della Costa dei Trabocchi saranno disponibili a breve: di qui ad un mese ci sarà la firma della convenzione con la Regione, che erogherà la somma stanziata con i FAS. Subito dopo si avvierà la procedura per l’indizione della gara d’appalto. Lo ha annunciato il Presidente Enrico Di Giuseppantonio nel corso dell’incontro da lui convocato a Casalbordino.

"La Provincia - ha detto il presidente - grazie ai Pit ha investito nei centri dell’entroterra 5 milioni di euro, che produrranno un investimento pari al doppio, per  aumentare l’attrattività e migliorare la gestione delle mete di visita: in questo modo, ad esempio, potremmo catturare un turismo che abbina le mete squisitamente balneari a quelle culturali, ambientali ed enogastronomiche e che non si limita al cosiddetto mordi e fuggi".

Il progetto della Via Verde viene seguito con particolare attenzione dai Comuni. Nel corso della riunione si è parlato anche della prossima stagione estiva, di turismo, di erosione della costa, della necessità, per quanto riguarda il fenomeno dell’erosione, di portare avanti un progetto di difesa e potenziamento dell’intera costa e non a macchia di leopardo come è avvenuto nel passato. Al riguardo il Presidente Di Giuseppantonio ha ricordato che la Provincia ha già realizzato con i Comuni la prima mappatura dei fenomeni erosivi che interessano la fascia costiera e che il documento verrà inviato alla Regione perché avvii la progettazione delle opere per la difesa della costa finanziandole o attraverso i fondi FAS o attraverso altre risorse

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Verde della Costa dei Trabocchi: i fondi tra un mese

ChietiToday è in caricamento