menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Sette Dolori: "L'ex convento dell'Addolorata è a rischio crollo"

Il consigliere comunale Alessandro Marzoli lancia l'allarme e presenta un'interrogazione urgente al sindaco per intervenire sull'ex convento dell'Addolorata, in condizioni precarie

L'ex convento dell'Addolorata in via Sette Dolori, già sede di uffici comunali e di proprietà delle Case di riposo, è a rischio crollo. A lanciare l’allarme è il vicepresidente Commissione Lavori Pubblici Alessandro Marzoli, che sulla vicenda ha deciso di presentare un‘interrogazione al sindaco. Nella zona, oggetto di lavori pubblici da tempo, l’edificio in questione non è infatti interessato dagli interventi dell’amministrazione comunale e cresce la preoccupazione dei residenti, i quali temono la possibilità che, soprattutto in caso di eventi sismici, l'intero palazzo venga giù insieme all'impalcatura.

“A giugno 2014 – ricorda Marzoli -  all'interno dello stabile si erano verificati danni al tetto e i solai erano venuti giù internamente. A distanza di oltre un anno e mezzo dall'evento l'unica soluzione adottata resta quella di una impalcatura intorno all'edificio che previene dalla caduta di calcinacci, ma potrebbe non essere sufficiente a garantire la stabilità della struttura.

Per fugare questi dubbi ed evitare alle famiglie che risiedono nella zona e a chi transita in auto o in motorino comprensibili timori, ho deciso di presentare in Consiglio un'interrogazione urgente al Sindaco per fare chiarezza. Pur non essendo di proprietà comunale – spiega ancora Marzoli - il palazzo si trova nella territorio cittadino ed è quindi indispensabile che si pongano in atto tutte le
azioni possibili per scongiurare il rischio di tragici eventi”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento