Cronaca Madonna del Freddo / Via Ferdinando Ferri

Via Ferri, la Vicentini resta chiusa: costa troppo intervenire

La Scuola Media, chiusa dopo il terromoto, non può essere adeguata sismicamente. Presto lavori di fronte al Palazzo ex Enel. Le precisazioni dell'assessore ai Lavori Pubblici

“La Scuola Media Vicentini non può essere adeguata simicamente sia perché l’ edificio ricade in una zona sottoposta a vincolo idrogeologico quale scarpata morfologica ricadente a ridosso del Fosso Di Renzo e sia perché l’intervento sarebbe antieconomico. Allo stato attuale, anche la totale demolizione dell’edificio e lo smaltimento delle macerie costituiscono un gravoso onere economico per il Comune di Chieti”. E’ quanto chiarisce l’assessore ai Lavori Pubblici Mario Colantonio in merito alla scuola dismessa in via Ferri, edificio che subì un “collasso strutturale” a seguito del terremoto del 6 aprile 2009.

Quanto alla rottura dello scavo di fronte al palazzo ex Enel, a ridosso del muro dell’ex Caserma Berardi l’assessore comunica che a seguito degli interventi effettuati dal Comune, si è appreso che le copiose infiltrazioni d’acqua sono riconducibili a una rete di smaltimento di acque meteoriche poste all’interno della sede del 123° Reggimento Fanteria Chieti.

“Lo scorso 23 ottobre 2012 – specifica Colantonio -  il Comando Infrastrutture Centro della sezione di Pescara dell’Esercito comunicò che aveva in corso di affidamento l’intervento delle riparazioni richieste al fine di eliminare i disagi ed eventuali danni a terzi.

Ad oggi il Comune di Chieti non ha ricevuto alcuna ulteriore comunicazione riguardo la conclusione dell’intervento”.

L’assessore dice che solleciterà  un  pronto interessamento sulla chiusura della vicenda.

“Solo dopo aver verificato il totale ripristino dell’impianto danneggiato – spiega - sarà possibile richiudere con asfalto la buca di campionatura effettata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Ferri, la Vicentini resta chiusa: costa troppo intervenire

ChietiToday è in caricamento