Cronaca Tricalle / Via Monsignor Rocco Cocchia

LETTORI: via Monsignor Cocchia e il buco dimenticato

Un tratto di strada sull'importante arteria utilizzata per uscire da Chieti, scrive Vincenzo La Monaca, ha ceduto nuovamente, provocando un restringimento della carreggiata. Al momento nessun intervento, solo una transenna e un segnale di pericolo

Via Monsignor Rocco Cocchia dimenticata. Come spiega il nostro lettore Vincenzo La Monaca, coordinatore cittadino de La Destra, la strada, importante arteria per uscire da Chieti, è dissestata da anni, completamente dimenticata dal Comune.
 
Qualche tempo fa hanno pensato di risolvere un problema di cedimento della carreggiata coprendo un buco con una robusta rete metallica, per fortuna ci si è resi conto che poteva essere un pericoloso palliativo e si è transennato il tutto. La transenna è restata lì più di due anni, fino a qualche giorno fa, quando un altro tratto di strada ha ceduto.
I fruitori di via Cocchia non l'hanno presa male, "adesso dovranno intervenire", hanno pensato con una sottile vena di cattiveria. Speranza che si è infranta contro la brillante trovata degli addetti comunali, "spostiamo un po' la transenna, aggiungiamo un bel segnale di pericolo, cosi siamo anche tutelati, e tutto è risolto".
 
Sarebbe bello pensare a una soluzione temporanea, ma visto i precedenti ho qualche timore. Le foto mostrano chiaramente il restringimento della carreggiata, un doppio senso di marcia, ed è facile immaginare le difficolta quando si incrociano due veicoli. Difficoltà che saranno ancora più accentuate dalle prossime nevicate: lo spazzaneve non riuscirà a passare e non basteranno le catene o le gomme termiche per risolvere il problema.


 

 
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LETTORI: via Monsignor Cocchia e il buco dimenticato

ChietiToday è in caricamento