Cronaca

Vertenza Maristella: Neuromed fa un passo indietro, nuova asta

Nessun accordo è stato raggiunto a garanzia del futuro dei 40 operatori del Centro Riabilitativo. L'acquirente ha posto le medesime condizioni, negando l'obbligo di assumere gli attuali dipendenti. Possibile una nuova asta al ribasso

La riunione di ieri (2 novembre) tra Sindacati, Curatela fallimentare e Neuromed per dare un futuro al Centro Maristella si è conclusa con un nulla di fatto. Erano tante le aspettative dei 40 operatori della società di riabiliazione fallita del Gruppo Villa Pini, già stremati da mesi senza stipendio per il lavoro svolto: un impiego fatto, oltre che di professionalità, di pazienza e amore verso i 35 pazienti ricoverati nella Clinica, con le più diverse disabilità fisiche e mentali.

Ebbene la molisana Neuromed, che aveva acquistato l'Istituto Maristella un mese fa durante la seconda asta fallimentare, unica offerente, non ha rivisto quella proposta di assumere la gestione della Clinica tramite una Cooperativa esterna. Ieri ha riconfermato la propria posizione, dichiarando di aver comprato solo la convenzione senza alcun obbligo di assumere alcun dipendente attualmente in carico al Maristella.

Una proposta inaccettabile per i Sindacati, che hanno fatto saltare l'accordo. Nessuna firma dunque oggi, nessun nuovo contratto, nessuna speranza in più per i lavoratori del Maristella, solo un clima di grande sfiducia che inevitabilmente si riflette sui già deboli pazienti, che rischiano di andare a finire in strutture inadeguate qualora l'Istituto dovesse chiudere definitivamente.

"Appare evidente che la proposta della Neuromed serviva unicamente a cercare di riavere la caparra di 130 mila euro versata il 3 Ottobre 2011 - spiegano amareggiati alcuni infermieri - dobbiamo comunque aspettare oggi, giorno ultimo per la scadenza prevista dei termini dell'asta".

Sempre oggi (3 novembre) si terrà una riunione convocata dalla Curatela fallimentare con il Comitato dei Creditori: probabilmente si deciderà di indire una nuova asta ad un prezzo di ribasso del 30% circa e nel più breve tempo possibile. Non si esclude che la Curatela decida di denunciare la Neuromed.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertenza Maristella: Neuromed fa un passo indietro, nuova asta

ChietiToday è in caricamento