Vertenza Ball, i sindacati: "Ancora nessun segnale dall'azienda"

Nessuna comunicazione è arrivata da parte della multinazionale americana. In corso un volantinaggio nei centri commerciali

Dopo l’ultimo incontro al Mise, lo scorso 30 novembre, con i rappresentanti della Ball Beverage Packaging Italia Srl, i sindacati fanno sapere che nessun segnale è ancora arrivato dalla multinazionale americana.

L' azienda sembrava aver raccolto l' invito del Ministero a formulare una risposta concreta e motivata in caso di non disponibilità a discutere sulle richieste avanzate dalle Organizzazioni Sindacali e condivise in toto dalle istituzioni e dal Ministero stesso. Ricordiamo che a fronte di un disimpegno da parte di questa azienda in ottima salute economica e con dei rendimenti al top di settore grazie alle lavoratrici e ai lavoratori, alla Ball è stato semplicemente chiesto di dimostrarsi responsabile e quindi di richiedere la cassa integrazione per chiusura, lasciare la disponibilità dello stabile a imprenditori che manifesteranno la volontà di rioccupare le maestranze e di incentivare economicamente i licenziamenti al fine di supportare il dramma che queste persone vivranno a Natale. Ad oggi purtroppo registriamo che la Ball Corporation non è in grado di tener fede neanche a ciò che scrive sia a mezzo stampa, sia nella missiva inviata ad ogni dipendente, in queste occasioni la Ball ha dichiarato la disponibilità ad accompagnare i lavoratori e rendere il meno impattante possibile i problemi che questa azione comporterà.

Nei fatti l' azienda, ad oggi, ha offerto esclusivamente la disponibilità a valutare eventuali richieste di trasferimento delle maestranze verso il mondo Ball

Nella sostanza la Ball Corporation non sta discutendo della Cigs perchè non vuole chiederla, non vuole lasciare a disposizione lo stabile, non ha fatto nessuna offerta economica alle maestranze. Non chiedere la Cigs per chiusura recentemente reintrodotta, è di una gravità indescrivibile specialmente se già tutte le parti hanno dato disponibilità ad accompagnare l' azienda in questo percorso. I requisiti per la richiesta ci sono, i fondi ci sono, i Ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro sono a disposizione così come la Regione Abruzzo che nella giornata del 05 dicembre 2018 ha comunicato alla Ball la disponibilità, come richiesto dalla norma, a mettere in campo tutti gli strumenti necessari per attivare le politiche attive, in sostanza la Regione Abruzzo formulerà un piano di corsi di formazione così come previsto e come richiede la circolare n° 15 del 04/10/18 del ministero del Lavoro. 

La mobilitazione dei lavoratori non rallenta: in questi giorni si stanno effettuando volantinaggi presso i centri commerciali abruzzesi affinché tutti i consumatori vengano a conoscenza della vicenda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • Bimbo di 3 anni investito mentre attraversa la strada con la mamma: panico a Chieti Scalo

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento