menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le operazioni di salvataggio nel 2014

Le operazioni di salvataggio nel 2014

Due anni dopo, Vasto ricorda i capodogli spiaggiati a Punta Aderci

Alle 15.30, si partirà con le barche dal porto di Vasto, per liberare esemplari di tartaruga marina Caretta Caretta, curate dal Centro Studi Cetacei a Pescara. Ma il Wwf lancia un nuovo allarme per il mare Adriatico

Due anni dopo il drammatico spiaggiamento dei capodogli sulla spiaggia di Punta Penna, avvenuto il 12 settembre 2014, mercoledì (14 settembre) ci sarà una manifestazione per ricordare quell'episodio, che porto alla morte di quattro esemplari. L'iniziativa è in programma alle ore 15, al punto informazioni della riserva regionale di Punta Aderci, a Punta Penna, ed è organizzata da Centro studi cetacei, riserva di Punta Aderci, Wwf Zona frentana e costa teatina. 

Verrà posizionato un grande pannello con la sotria dello spiaggiamento. Poi, alle 15.30, si partirà con le barche dal porto di Vasto, per liberare esemplari di tartaruga marina Caretta Caretta, curate dal Centro Studi Cetacei a Pescara, per dare un segno di speranza, e uno stimolo ad abbandonare un modo di fare che ha la imperdonabile prerogativa di cancellare il futuro per le nuove generazioni.

Ma, in concomitanza con la manifestazione, il Wwf lancia un allarme sulla salute del mare Adriatico: "Il mare più pescoso del Mediterraneo, è sempre più impoverito da fiumi inquinati, scarichi fognari, sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche e massiccia attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi. In Adriatico abbiamo ben 60 concessioni a coltivare idrocarburi su 69 totali, più quelle in itinere. La costa abruzzese, anche se è scampata a Ombrina, non può stare serena: di fronte alla Regione dei Parchi ci sono 7concessioni a coltivare operanti, 6 permessi di ricerca, 3 istanze a permesso di ricerca e una istanza a coltivare. A questo quadro, si aggiunge il progetto di una grande Multi-Client, la Spectrum GEO, per la “valorizzazione” di nuovi bacini sedimentari, o la rivalutazione di bacini sedimentari già oggetto di ricerca e produzione di idrocarburi al fine di fornire dati aggiornati a clienti interessati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento