Variante di Quadri, Legnini "La Regione non ha contribuito, solo propaganda"

Il Sottosegretario all’Economia, Giovanni Legnini interviene dopo l'inaugurazione del presidente Gianni Chiodi della Variante

L'apertura della Variante di Quadri, inaugurata martedì dal presidente della regione Gianni Chiodi e da numerosi esponenti di Forza Italia, non è merito della regione. Lo afferma il Sottosegretario all’Economia, Giovanni Legnini, che in una nota ha spiegato come sono andate le cose. “Il primo finanziamento risale al 2000, su iniziativa dell'allora deputato Giovanni Di Fonzo. Nel 2006 ottenemmo, su mia iniziativa, dall’allora Ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, le ulteriori risorse necessarie, poi completate con i fondi Anas, per un totale di circa 40 milioni di euro. Mentre gli altri 50 milioni di Euro, di cui 30 stanziati con la Legge di Stabilità dello scorso anno, di cui fummo relatori il Senatore Tancredi ed io, attendono di essere spesi, benché siano trascorsi più di 15 mesi dal loro stanziamento”.

Il Sottosegretario ha poi aggiunto: “Nell'ultimo anno, ho più volte promosso incontri con l'Anas per ridefinire il progetto che è ancora in corso di redazione e che dovrebbe recare un fabbisogno complessivo di  circa 100 milioni di euro. L'impegno del Governo, assunto d'intesa con il Ministro Lupi, è di reperire le ulteriori risorse necessarie non appena l'Anas avrà completato la progettazione. Intanto  l'Anas può cantierare, come è suo dovere, i 50 milioni disponibili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Legnini ha concluso: “La Regione Abruzzo non solo non ha contribuito, in alcun modo alla realizzazione dell'opera ma non ha provveduto neanche a includere l'intervento nell'accordo di programma quadro stipulato con il Governo. Il completamento della Fondovalle Sangro è un'esigenza prioritaria per la nostra Regione, che va soddisfatta in via definitiva, unendo tutte le istituzioni per dare una risposta, da troppo tempo invocata, sia al distretto produttivo della Val di Sangro che all'esigenza di collegamento tra il Tirreno e l'Adriatico, aprendo ulteriori prospettive di sviluppo anche per l'Alta Val di Sangro. Questi sono i fatti, che in nessun modo possono essere occultati da un’inaugurazione di sapore elettoralistico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • DIRETTA - Elezioni comunali 2020: ballottaggio Di Stefano-Ferrara

  • Elezioni comunali, i voti ricevuti da tutti i candidati consiglieri

  • Comunali Chieti: exit poll e prime proiezioni

  • Torrevecchia in lutto per la scomparsa di Erica: aveva solo 26 anni

  • La sfida elettorale riparte: Di Stefano e Ferrara al ballottaggio per governare Chieti

  • Tra volti noti e nuovi ingressi, ecco chi entra in consiglio e chi può ancora sperare in un posto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento