rotate-mobile
Cronaca

Ancora un atto vandalico alla panchina arcobaleno di piazza Carafa: è il terzo in meno di un anno [FOTO]

La denuncia dei volontari di Arcigay, che si sono impegnati a ripristinare allo stato originario il simbolo della lotta alla omolesbotransbifobia

Terzo atto vandalico nel giro di meno di un anno alla panchina arcobaleno contro l'omolesbotransbifobia di piazza Carafa, a Chieti Scalo. Il primo era stato messo a segno addirittura prima dell'inaugurazione ufficiale. 

Per questo, oggi pomeriggio, i volontari di Arcigay Chieti, insieme al consigliere comunale del Partito Democratico Paride Paci, si sono impegnati a sistemare la panchina, su cui erano state vergate scritte offensive e omofobe. 

"La presenza di un simbolo, una panchina, in un parco cittadino vuol dire affermare nello spazio pubblico la presenza di una comunità - commenta Arcigay - e deturpare questo simbolo vuol dire volerla invisibilizzare. Una nuova dimostrazione del clima spesso ostile verso le persone Lgbti+ (lesbiche, gay, bisessuali, transgender e altre minoranze di orientamento sessuale e identità di genere) a Chieti e sottolineano quanto siano necessarie azioni legislative volte a promuovere pari diritti e pari riconoscimento nella propria identità di genere e nel proprio orientamento, soprattutto dopo la bocciatura del ddl Zan in Senato".

Daneggiato anche il cartello in metallo, con la scritta "Chieti contro l'omolesbobitransfobia": ora dovrà essere sostituito.

"Tra poche ore la panchina sarà risanata allo stato originale, l'odio non ci ferma, l'omolesbobitransfobia la combattiamo tutti e tutte insieme", conclude Arcigay.

Vandali alla panchina arcobaleno di Chieti Scalo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora un atto vandalico alla panchina arcobaleno di piazza Carafa: è il terzo in meno di un anno [FOTO]

ChietiToday è in caricamento