rotate-mobile
Cronaca Lanciano

Usa uccelli vivi legati ad un’asta telescopica durante la caccia: cacciatore denunciato [FOTO]

L’indagato rischia  l’arresto. Gli uccelli utilizzati come richiamo durante la caccia al colombaccio sono stati conferiti al centro recupero rapaci e selvatici

I carabinieri forestali hanno denunciato un cacciatore per maltrattamento animale a Lanciano. Secondo quanto ricostruito dai militari della stazione carabinieri forestale di Lanciano, unitamente a personale del locale distaccamento della polizia provinciale di Chieti, nel corso dell’attività venatoria al colombaccio l'uomo utilizzava, come richiami, animali vivi che,  legati ad un’asta telescopica, venivano costretti ad innalzarsi forzatamente e ripetutamente causando loro stress e sofferenze contrastanti con condizioni etologiche e vitali accettabili.

Per il reato di maltrattamento l’indagato rischia l’arresto fino a un anno o l’ammenda da mille a 10mila euro. Contestualmente, all’uomo è stata elevata una sanzione amministrativa per aver abbattuto un numero di capi superiore al prelievo giornaliero consentito.

Gli uccelli utilizzati come richiamo sono stati conferiti al centro recupero rapaci e selvatici di Pescara.

“Sebbene la legge 157/92 sulla caccia – ricorda il comandante Tiziana Altea - preveda che alcune specie di uccelli cacciabili possano fungere da richiami a condizione che provengano da allevamenti, troppo spesso in realtà, gli animali utilizzati sono frutto di catture illegali e vengono detenuti in condizioni di vita incompatibili con la loro natura”.
 

caccia sequestro-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usa uccelli vivi legati ad un’asta telescopica durante la caccia: cacciatore denunciato [FOTO]

ChietiToday è in caricamento