menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La d'Annunzio verso una nuova epoca, a maggio si vota per eleggere il nuovo rettore

Docenti, dipendenti e rappresentanti della Consulta degli studenti al voto il 16 maggio. Il ballottaggio eventuale si terrà il 19 maggio

La data era nell'aria già da qualche giorno e oggi (venerdì 7 aprile) è arrivata l'ufficialità, con il decreto firmato dal Decano Michele Vacca che indice per martedì 16 maggio le elezioni per il nuovo rettore dell'università d'Annunzio. Qualora la prima votazione non dovesse avere esito positivo, si tornerà alle urne mercoledì 17 maggio e, in caso di fumata nera, ancora giovedì 18. Il ballottaggio è fissato per venerdì 19 maggio. In tutte le quattro giornate gli aventi diritto potranno votare dalle ore 8.30 alle ore 19.

Possono votare tutti professori di ruolo e i ricercatori a tempo indeterminato in ateneo, e i rappresentanti che siedono nella Consulta degli studenti. Spetta invece il voto ponderato ai ricercatori a tempo determinato, ai collaboratori esperti linguistici e al personale tecnico-amministrativo in servizio a tempo indeterminato.

Al momento i candidati già noti sono sei, ossia i professori Luigi Capasso, Sergio Caputi, Paolo Fusero, Michele Rea, Liborio Stuppia e Stefano Trinchese. Ma le candidature possono essere presentate entro il 14 aprile, anche se, viste le ultime vicende che hanno coinvolto l'ateneo, è difficile che altri possano avanzare una candidatura dell'ultimo minuto. 

Si conferma così l'intenzione del Decano Vacca di traghettare l'università d'Annunzio in maniera serena fino alle elezioni per il nuovo rettore, dopo l'interdizione del rettore Carmine Di Ilio e del direttore generale Filippo Del Vecchio. L'ormai ex magnifico, nel frattempo, ha rassegnato le proprie dimissioni, senza attendere la decisione del tribunale del Riesame, a cui si è invece appellato il dg. 

Ogni elettore si recherà al seggio di via dei Vestini esprimendo la preferenza per uno dei candidati. La votazione viene considerata valida se partecipa almeno la metà degli aventi diritto, computando anche i voti ponderati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento