rotate-mobile
Cronaca

Opere d'arte trafugate e monete antichissime in vendita online: le attività di recupero dei carabinieri

Il bilancio della attività messe a punto nel 2023 dal Nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale

Ventuno denunce per ricettazione di opere d’arte, 11 perquisizioni e il recupero di 75 beni antiquariali archivistici e librari e di 1.681 reperti archeologici e paleontologici: è il bilancio della attività messe a punto nel 2023 in Abruzzo e Molise dal Nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale dell’Aquila, istituto tre anni fa e competente per le due regioni.Nel 2023 è stata registrata una diminuzione dei furti, per lo più perpetrati ai danni dei luoghi di culto, più precisamente 6 denunce a fronte delle 11 denunce del 2022.

Tra le operazioni viene segnalato il sequestro a Chieti, a seguito di un’attività di monitoraggio dei siti di e-commerce,  di varie monete d’argento di epoca repubblicana e di età imperiale, monete di epoca tardo antica e di esemplari medioevali delle zecche dell’Italia centrale orientale (Ancona, Guardiagrele e Chieti).

Le attività investigative, realizzate in sinergia anche con il personale delle soprintendenze, degli archivi e delle diocesi, hanno permesso anche il monitoraggio di 99 aree archeologiche e zone tutelate da vincoli paesaggistici o monumentali: 54 controlli i controlli eseguiti in esercizi commerciali di settore come mercatini, esercizi antiquariali e fiere e controlli museali.

Controlli che, sommati a quelli effettuati in rete, in particolare sui siti e-commerce, hanno permesso, grazie anche alla banca dati beni culturali illecitamente sottratti, di verificare 664 beni culturali per stabilirne la provenienza illecita. "Importante - viene detto - anche il contributo offerto per la formazione della cultura della legalità". Tra le più importanti attività portate a termine nel 2023 ci sono: la restituzione di una campana in bronzo risalente al 1864 alla parrocchia di Santa Maria Assunta di Ripabottoni (Cb) e attualmente conservata presso il locale Museo Parrocchiale “Paolo Gamba”. E' un bene culturale di cui si era persa ogni memoria. C'è stato poi il sequestro di un antico tomo risalente al 1662 intitolato “Gesta Virtutes et miracula B. Ioannis a Capestrano”, sottratto in epoca imprecisata dalla Biblioteca del Convento Francescano di Artena (Rm). Le indagini hanno permesso di verificare come il tomo presentasse sul frontespizio una nota di possesso ed un timbro i quali rimandavano l’appartenenza del libro al convento di Santa Maria di Gesù di Montefortino. C'è stata la restituzione di un dipinto raffigurante l’immacolata concezione alla parrocchia di San Paolo Apostolo di Fiamignano (Ri), un antico dipinto risalente al XVIII secolo, proveniente dall’omonima chiesa e andato perso da circa trent’anni.

Leggi le notizie di ChietiToday su Whatsapp

La tela era stata ritrovata fortuitamente all’Aquila da un privato. Effettuato il recupero, in tre distinte perquisizioni, di un tabernacolo in pietra risalente al XVI-XVII secolo, oggetto di furto all’interno del monastero della Beata Antonia dell’Aquila; 144 beni di natura archeologica, 12 documenti archivistici risalenti al 1600-1800 e 2 dipinti olio su tavola, risalenti al 1600 di provenienza delittuosa. A Basciano (Teramo), in collaborazione con alcuni residenti, sono state recuperate quattro iscrizioni su pietra risalenti all’età romana e provenienti originariamente dal locale sito archeologico Vicus di San Rustico. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Opere d'arte trafugate e monete antichissime in vendita online: le attività di recupero dei carabinieri

ChietiToday è in caricamento