Cronaca

Analisi precoce tumore colon-retto: policlinico di Chieti centro d'eccellenza europeo

Sarà il primo centro pubblico a fornire, dal 4 aprile, il nuovo esame non invasivo per l'individuazione del tumore

L’Unità operativa di Medicina Predittiva del Policlinico “SS. Annunziata” - Università degli Studi Gabriele d’Annunzio di Chieti sarà il primo centro pubblico europeo a fornire ai cittadini, a partire dal prossimo 4 aprile, il nuovo esame non invasivo per l’individuazione del tumore colon-retto attraverso la tecnologia del Dna fecale, denominato Cologuard, approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) americana e introdotto a novembre anche in Italia.

Il centro, che dipende dalla Asl Lanciano-Vasto-Chieti della Regione Abruzzo, ha stabilito con propria delibera di offrire agli assistiti il test a carico del servizio sanitario regionale: lo utilizzerà per l’analisi precoce di carattere genetico-molecolare per il tumore del colon-retto. “E’ tra i tumori a maggiore insorgenza nella popolazione italiana, con oltre 50.000 diagnosi stimate annualmente. Tra gli uomini si trova al terzo posto, preceduto solo dai tumori di prostata e polmone, mentre tra le donne si colloca al secondo posto, preceduto dal tumore della mammella - ha detto il professor Stefano Martinotti, direttore dell’Unità di Medicina Predittiva del policlinico abruzzese – l’innovativo test permette l’analisi del Dna fecale combinata a quella di marcatori ematici come l’emoglobina”. 

Se l’esame è positivo, il paziente deve sottoporsi a una colonscopia diagnostica, che consente di visualizzare l’ultima parte dell’intestino e di intervenire immediatamente per rimuovere eventuali polipi, i precursori benigni del tumore. “In molti casi tuttavia, la colonscopia risulta negativa – aggiunge il professore -  L’impiego di questo test sul Dna fecale dopo la ricerca del sangue occulto positiva potrebbe, se negativo, evitare colonscopie non necessarie oppure, se positivo, convincere quei pazienti poco disposti a eseguirla, circa l’opportunità di farla”.

Grazie a un accordo siglato con l’americana Exact Sciences, che ha sviluppato il test, il policlinico di Chieti, è il primo ospedale del servizio pubblico in Europa dove sono state installate le apparecchiature che permettono la preanalisi dei campioni di feci, che vengono successivamente inviati negli Usa, presso i laboratori dell’azienda,  per la lettura del risultato finale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Analisi precoce tumore colon-retto: policlinico di Chieti centro d'eccellenza europeo

ChietiToday è in caricamento