Vendeva online telefoni e auto inesistenti, poi spariva: arrestato

Il tribunale di Chieti ha emesso un ordine di carcerazione per le truffe messe in atto nel 2015 da un 55enne veneziano

Nella sua rete truffaldina erano finite tante vittime di diverse città italiane. Lo scorso fine settimana i carabinieri lo hanno rintracciato nel suo appartamento, a Mira, e arrestato. In manette è finito M.G., veneziano di 55 anni

Nei suoi confronti iL tribunale di Chieti aveva emesso un ordine di carcerazione per svariate truffe online messe in atto nel 2015.

L'uomo più volte aveva messo in vendita su siti quali subito.it o autoscout24.it telefonini o auto inesistenti, a prezzi stracciati, per poi riscuotere dagli ignari acquirenti le somme di denaro richieste attraverso carte prepagate. Solo allora M.G. faceva perdere le sue tracce, quando la merce non arrivava mai a casa e il truffatore non era più rintracciabile, poichè era solito far sparire ogni riferimento a lui riconducibile, mentre progettava la successiva truffa.

L'uomo dovrà scontare ora una pena di 2 anni e pagare una multa di 900 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

Torna su
ChietiToday è in caricamento