Cronaca Lanciano

Auto acquistate e mai pagate: 24 rinvii a giudizio per le truffe ai commercianti

In particolare sono accusati di aver falsificato e sottratto targhe e documenti di circolazione per esportare illecitamente le auto all’estero

Il gup del tribunale di Chieti ha rinviato a giudizio 24 persone accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata a ricettazioni, truffe, appropriazioni indebite e falsi, in particolare falsificazione e sottrazione di targhe e di documenti di circolazione di autovetture al fine di esportarle illecitamente all’estero.

I fatti risalgono tra il 2011 e il 2012, quando la banda avrebbe truffato diversi commercianti dai quali, utilizzando lo schermo di società apparentemente solide, si facevano consegnare ingenti quantitativi di merce che veniva pagata con assegni e ricevute bancarie che restavano insolute, per poi rivendere la merce stessa e chiudere la sede aziendale.

Fra la merce acquistata in maniera truffaldina una fornitura di materassi per oltre 16mila euro, vernici per 10.000 euro, materiale edile per quasi 30 mila euro, diversi gruppi di continuità per un valore superiore a 120mila euro.

Gli imputati verranno processati il prossimo 16 ottobre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Auto acquistate e mai pagate: 24 rinvii a giudizio per le truffe ai commercianti

ChietiToday è in caricamento