Cronaca

Trovato un cadavere nelle Marche: si tratta di Renata Rapposelli?

Il corpo senza vita di una donna in avanzato stato di decomposizione è stato trovato nelle campagne di Tolentino, in contrada Pianarucci. Potrebbe essere quello della pittrice teatina scomparsa un mese fa

Il cadavere di una donna in avanzato stato di decomposizione è stato trovato nelle Marche, e per la precisione nelle campagne di Tolentino, in contrada Pianarucci. Si rafforza l'ipotesi che il corpo possa essere quello della pittrice teatina Renata Rapposelli, 64 anni, scomparsa dal 9 ottobre dopo essere stata in visita a Giulianova dall'ex marito e dal figlio, che sono indagati dalla Procura di Ancona per omicidio in concorso e occultamento di cadavere.

Investigatori esaminano una ciocca di capelli chiari e alcuni oggetti

Durante l'esame cadaverico, condotto dal medico legale Antonio Tombolini, è stata trovata una ciocca di capelli di colore chiaro attaccata al cranio. All'esame dei carabinieri (in questo caso la Procura di Macerata sta procedendo contro ignoti per occultamento o distruzione di cadavere) anche alcuni oggetti personali rinvenuti nel fango che avvolgeva il corpo, in buona parte ridotto allo stato scheletrico: in particolare, una croce a forma di tau e un orologio.

Cadavere donna, nuovo sopralluogo

Ci sarà presto un nuovo sopralluogo nella zona nelle campagne di Tolentino dove un passante ha trovato il corpo di una donna. L'area è ancora presidiata dai carabinieri per evitare 'contaminazioni' della zona, irta di rovi e vegetazione, nei pressi di un corso d'acqua. Il nuovo sopralluogo sarà effettuato con metal detector, alla ricerca di altri eventuali oggetti sfuggiti alle ricerche, dopo il recupero di una collana con una croce a tau e un orologio, che saranno mostrati ai due indagati.

Domani medico legale esamina mandibola e test Dna

Difficile individuare le cause della morte. Domani (lunedì 13 novembre) il medico legale Antonio Tombolini eseguirà alcuni accertamenti sulla mandibola e dovrebbe effettuare anche il test del Dna. In base alle prime informazioni il cadavere sarebbe di una donna giovane, ma si tratta di una definizione generica, secondo alcune fonti investigative, che in realtà sarebbe applicabile a un'ampia fascia di età. Insomma, è ancora tutto da vedere e verificare.

Una testimone a 'Quarto Grado': "Il giorno della scomparsa Renata era in farmacia a Tortoreto Lido"

L'addetta di una farmacia avrebbe visto Renata Rapposelli il giorno stesso della scomparsa, intorno alle ore 17, a Tortoreto Lido. La circostanza è stata riferita da "Quarto Grado", che nell'ultima puntata ha fornito un aggiornamento sul caso. Secondo la testimone, la donna si sarebbe recata nel negozio chiedendo un medicinale. La negoziante sarebbe stata ascoltata dai carabinieri la mattina di venerdì 10 novembre. I militari avrebbero anche chiesto le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti nei pressi della farmacia, ma i filmati non sono più disponibili visto che la denuncia è stata presentata solo il 16 ottobre.    

La versione di Giuseppe e Simone Santoleri

Giuseppe e Simone Santoleri, rispettivamente ex marito e figlio della donna scompars, hanno raccontato che Renata avrebbe preso il treno che arriva alle 13.05 a Giulianova. Dopo pochi minuti sarebbe arrivata a casa dei due uomini: lì avrebbe trascorso circa 15-20 minuti, dopodiché Giuseppe l'avrebbe accompagnata a Loreto, su richiesta della donna che voleva andare a pregare al Santuario della città mariana. Giuseppe Santoleri aveva anche aggiunto di non aver imboccato l'autostrada, ma di aver scelto la strada statale, percorrendo la quale occorrono circa due ore per arrivare ad Ancona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato un cadavere nelle Marche: si tratta di Renata Rapposelli?

ChietiToday è in caricamento