Treglio, nuovo affresco realizzato dall'artista Nadia Tagliapietra Ghezzo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

In occasione del 15.mo anniversario dell’avvio delle attività della Scuola Internazionale di Affresco a Treglio, diretta e organizzata dal maestro Vico Calabro’, l’Associazione Culturale “Treglio affresco”, in collaborazione con l’amministrazione comunale diretta dal Sindaco Massimiliano Berghella, ha dato avvio a un ambizioso calendario di attività tese a celebrare il quindicesimo anniversario con numerose iniziative culturali incentrate sul tema degli affreschi.

Secondo il programma d’iniziative, ideato dal vicesindaco, assessore alla Cultura di Treglio Orlando Bellisario, si realizzeranno vari affreschi ispirati a eventi della storia locale, realizzati da noti maestri d’arte invitati dal Direttore Artistico Vico Calabro’ a partecipare alla scuola internazionale d’Affresco di Treglio.

Il primo di questi affreschi è stato realizzato in questi giorni dalla maestra veneziana Nadia Tagliapietra, artista nota a livello nazionale per l’utilizzo nei suoi lavori di pittura affresco della tecnica del bassorilievo graffito. Tale tecnica consiste nella stesura su di un muro, precedentemente trattato, di vari strati di calce e polvere di marmo impastati pigmenti di diversi colori. All’asciugatura degli strati l’artista provvede a graffiarli, fino a ottenere un bassorilievo a colori di notevole impatto artistico.

Il tema che la maestra Nadia Tagliapietra ha scelto di realizzare è un affresco ispirato alla partenza, nella primavera del 1203, dal porticciolo dell’Abbazia di San Giovanni in Venere dei cavalieri per la IV Crociata. Per quella crociata, secondo le cronache del tempo, oltre a cavalieri e uomini d’arme riuniti attorno all’Abbazia di San Giovanni in Venere, partì anche un cospicuo numero di armigeri provenienti dai territori soggetti all’Abbazia, tra cui, in quel tempo, il Comune di Treglio.

L’opera rappresenta al centro un gruppo di cavalieri medioevali che cavalcano su di una strada selciata, a ricordare il passato dell’Impero Romano, con a sinistra la Majella e un imponente albero di olivo e, a destra, l’Abbazia di San Giovanni in Venere, il sole e la linea d’orizzonte sul mare.

Il Sindaco Massimiliano Berghella, nel ringraziare l’artista e i maestri che hanno collaborato alla sua realizzazione: Mario Scaccia, Giovanna Barisci, Antonella d’Addario e l’assessore Orlando Bellisario ha evidenziato come l’affresco realizzato sia il primo di un ciclo di opere teso a valorizzare e ricordare eventi della storia tregliese e a festeggiaredegnamente il quindicesimo anno della Scuola Internazionale di Affresco a Treglio. Il Primo Cittadino ha, infine, dato appuntamento a tutti coloro che si iscriveranno alla settimana dell’affresco che, quest’anno, si terrà dal 30 agosto al 5 settembre, con la consueta e prestigiosa partecipazione di maestri internazionali di pittura a fresco (si vedano i siti: www.frescopolis.net oppure www.scuolainternazionaleaffresco.eu).
Il Sindaco ha altresì sottolineato come si sia rivelata scelta felice e vincente quella di coadiuvare le attività della Scuola Internazionale di Affresco con quelle del Laboratorio permanente di pittura a fresco, gestito dall’Associazione Culturale “TREGLIO affresco”e diretto dalla prof.ssa Antonella D’Addario, in modo da porre i presupposti per un funzionamento continuo nel tempo della Scuola Internazionale di Affresco allargandone le attività per un periodo che vada oltre l’usuale settimana dell’affresco.

Torna su
ChietiToday è in caricamento