Cronaca

Maria, la gioia di una gravidanza dopo il trapianto di cuore

La storia di una mamma vastese che ha subìto il trapianto di cuore al Sant'Orsola di Bologna. I medici: "Evento estremamente raro"

“Non mi sono mai sentita un numero, mi hanno sempre tenuta per mano nei momenti di paura” e oggi Maria tiene in braccio la sua Emma, nata dopo il trapianto di cuore.

Maria è una 39enne originaria di Vasto che tre anni fa ha subìto il trapianto del cuore al Sant’Orsola di Bologna. La sua storia clinica inizia però a fine 2013, quando la ragazza si ammala e viene ricoverata nel policlinico bolognese. L’anno successivo le viene applicato un defibrillatore, poi le sue condizioni si aggravano e nel 2016 si interviene prima con un cuore meccanico e, nel 2017, con un trapianto di cuore. 

Nel 2019 Maria rimane incinta e a gennaio, con due mesi di anticipo, prima del lockdown nasce Emma. "Nonostante tutto ciò che abbiamo passato siamo molto sereni, abbiamo imparato a vivere nel presente" dice oggi Maria. 

"La gravidanza successiva al trapianto è un evento estremamente raro - secondo i medici - ma non impossibile"

Guarda l'intervista su BolognaToday
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maria, la gioia di una gravidanza dopo il trapianto di cuore

ChietiToday è in caricamento