menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fabrizia è tornata a casa nell'abbraccio di tutto l'Abruzzo, i funerali il giorno di Santo Stefano

L'Airbus 319 della Flotta di Stato che trasportava la salma della 31enne di Sulmona è atterrato alle 11.35 a Ciampino accolta dalle massime autorità dello Stato

Fabrizia Di Lorenzo è tornata a casa. La salma della 31enne di Sulmona (L'Aquila) rimasta vittima di un attentato terroristico a Berlino, mercoledì (21 dicembre), è stata trasportata in Italia con l'Airbus 319 della Flotta di Stato, atterrato alle 11.25 di stamani (sabato 24 dicembre), all'aeroporto di Ciampino.

Ad accoglierla, oltre ai genitori, c'erano le massime autorità dello Stato. Presenti il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro della Difesa Roberta Pinotti. Dall'Abruzzo, sono arrivati anche il governatore Luciano D'Alfonso e il sindaco di Sulmona Annamaria Casini, che sin dai primi istanti dopo la tragedia di Berlino, quando ancora la giovane professionista sulmonese risultava dispersa, si è messa a disposizione della famiglia Di Lorenzo. 

Ed è l'intera città di Sulmona, in questi giorni di festa annebbiati da un dolore insopportabile, a stringersi intorno ai cari di Fabrizia. Il monumento dei caduti di tutte le guerra, in piazza Tresca, è stato spontaneamente scelto come luogo in cui ricordare e piangere la concittadina scomparsa in Germania. Persone di tutte le età e persino gli ultras del Sulmona calcio si avvicendano ai piedi del monumento per esprimere il loro cordoglio. E nell'intera regione la tragica fine di Fabrizia ha suscitato dolore e commozione.

Fra poco la salma rientrerà a Sulmona, dove lunedì (26 dicembre) saranno celebrati i funerali, nella cattedrale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento