Terna si arrende e rinuncia alla citazione contro Silvia Ferrante

Nell’udienza di oggi si sarebbero dovute discutere metà delle 24 citazioni, per 16 milioni di euro, ma il colosso dell’elettrodotto Villanova-Gissi ha rinunciato a proseguire

Terna si è arresa alla mobilitazione popolare a favore di Silvia Ferrante, l’attivista di Paglieta citata in giudizio dalla multinazionale per 16 milioni di euro. Nell’udienza di oggi (lunedì 16 maggio), davanti al giudice civile di Lanciano Cleonice Cordisco, si sarebbero dovute discutere metà delle 24 citazioni, ma il colosso dell’elettrodotto Villanova-Gissi ha rinunciato a proseguire

Una battaglia vinta dalla mamma, sostenuta in aula dal presidente della Provincia Mario Pupillo, dai sindaci di Castel Frentano, Gabriele D’Angelo, e Frisa, Rocco Di Battista.

Ferrante aveva a suo carico anche 30 denunce penali, molte delle quali archiviate dal gip lo scorso novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento