Cronaca

L'ospedale SS. Annunziata protagonista nella rete regionale della terapia del dolore

L'ospedale di Chieti ottiene il riconoscimento di unico centro Hub in Abruzzo. il "SS. Annunziata" è stato indicato come centro preposto ad assicurare interventi diagnostici e terapeutici ad alta complessità finalizzati alla riduzione del dolore e delle disabilità

Organizzazione, volume di attività, tipologia di prestazioni assicurate: queste le carte giocate dall'Ospedale di Chieti nella difficile partita della costruzione della Rete regionale della terapia del dolore, che gli è valso il riconoscimento di unico centro Hub in Abruzzo.

Nella neonata Rete regionale, istituita nel dicembre appena trascorso, il "SS. Annunziata" è stato indicato come centro preposto ad assicurare interventi diagnostici e terapeutici ad alta complessità finalizzati alla riduzione del dolore e delle disabilità in regime di ricovero ordinario, day hospital e ambulatoriale. Il centro, dotato di posti letto, prende in carico circa 1.500 nuovi pazienti l'anno, ed esegue in media 150 interventi l'anno di neurochirurgia funzionale e per neurolesioni. Proprio l'attività chirurgica rappresenta la punta di diamante della gamma di prestazioni offerte, con numerose procedure interventistiche. Impianto di neurostimolatori, di pompe per infusione di farmaci per il trattamento del dolore cronico, tecniche per la cura di sofferenze vertebrali, infiltrazioni. Quello di Chieti è anchecentro di riferimento per le "cefalee refrattarie"..

Complementare al Centro Hub di Chieti è il ruolo di "spoke" svolto dagli ospedali di Lanciano e Vasto, la cui azione di contrasto al dolore viene assicurata attraverso tutte le prestazioni erogabili in regime ambulatoriale, dopo una opportuna selezione dei casi da destinare alla sede più idonea in base alla complessità del quadro clinico.

"Il ruolo attribuito alla nostra struttura nell'ambito della rete regionale rappresenta il riconoscimento di un lavoro qualificato portato avanti per anni  - commenta il direttore dell'Unità operativa, Amedeo Costantini, - Il nostro è stato un impegno costante nella costruzione di un'offerta qualificata e aggiornata, in grado di fornire risposte efficaci al problema del dolore che rappresenta una causa di profonda sofferenza  per molti pazienti. L' obiettivo, ora, è continuare a crescere, sotto il profilo scientifico e nella strutturazione di un sistema capillare di presa in carico dei malati, in collaborazione con i medici di medicina generale e le strutture territoriali".

IL MASTER Rinnovato impegno anche sotto il profilo della formazione, con l’Hub di Chieti nel ruolo di struttura clinica di riferimento del Master di II livello di alta formazione e qualificazione in Terapia del dolore dell’Università “D’Annunzio”, diretto da Flavia Petrini. L'inizio dei corsi è fissato per la seconda metà di gennaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ospedale SS. Annunziata protagonista nella rete regionale della terapia del dolore

ChietiToday è in caricamento