menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preziosi, Fantastichini, Marchioni, Villoresi: al Marrucino una grande stagione di prosa per il bicentenario

Presentato al teatro Marrucino un cartellone ricco di appuntamenti. Otto spettacoli di prosa più la nuova rassegna di emergenti, a gennaio torna anche il teatro per i più piccini

Luca Barbareschi, Ennio Fantastichini, Pamela Villoresi, Alessandro Preziosi, Vinicio Marchioni sono solamente alcuni degli attori che nei prossimi mesi calcheranno il palco del teatro Marrucino per la nuova stagione di prosa. E’ un cartellone ricco di appuntamenti quello che la Deputazione Teatrale Teatro Marrucino ha realizzato in collaborazione con ACS - Abruzzo Circuito Spettacolo per il bicentenario della fondazione del Marrucino. Una stagione nata per soddisfare le aspettative di un pubblico sempre più numeroso e differenziato, con un’attenzione particolare alle nuove generazioni di artisti e spettatori.

A presentarla, questa mattina al foyer bar del teatro, c’erano il presidente del Cda della Deputazione Cristiano Sicari, l’assessore alla Cultura del Comune di Chieti Antonio Viola, il presidente di Acs Federico Fiorenza e il direttore amministrativo Cesare Di Martino

LA PROSA

Sono otto gli spettacoli, uno in più rispetto alle passate stagioni, che arricchiranno il calendario della prosa a partire da gennaio 2018.

Si comincia inizia il 6 e il 7 gennaio con “L’anatra all’arancia”, spettacolo cult del teatro comico tratto dal testo Williams Douglas Home. Nei ruoli che furono di Ugo Tognazzi e Monica Vitti nel celebre film del ‘75, vedremo Luca Barbareschi, che firma anche la regia, e Chiara Noschese.

Il 16 e il 17 gennaio Giorgio Barberio Corsetti, uno dei nomi più prestigiosi del teatro di ricerca italiano, presenta il “Re Lear” di William Shakespeare prodotto dal Teatro di Roma, con l’interpretazione di Ennio Fantastichini.

 Il 3 e il 4 febbraio sarà la volta di un altro grande classico: “L’avaro” di Molière con Alessandro Benvenuti e la regia di Ugo Chiti, mentre il 10 e l’11 febbraio Vinicio Marchioni e Francesco Montanari, apprezzatissimi interpreti della serie televisiva “Romanzo criminale”, si cimenteranno con ?echov in “Uno zio vania” diretto dallo stesso Marchioni.

“Il mondo non mi deve nulla”, commedia di rara intensità scritta da Massimo Carlotto, sarà in scena il 24 e il 25 febbraio in uno spazio espressamente dedicato alla drammaturgia contemporanea. I protagonisti saranno Pamela Villoresi – che per la sua interpretazione ha ottenuto la nomination come Migliore Attrice al Premio “Le Maschere del Teatro italiano 2016” – e Claudio Casadio, diretti da Francesco Zecca.

 “La vedova scaltra” di Goldoni è in programmazione per il 17 e il 18 marzo con Francesca Inaudi, Giuseppe Zeno e la regia di Gianluca Guidi.

Il teatro contemporaneo torna protagonista con due capolavori di scrittura: il 14 e il 15 aprile “Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco”, che è valso all’autore Stefano Massini il Premio Tondelli, e l’11 e il 12 maggio “Copenaghen” di Michael Frayn. A vestire i panni di uno dei pittori più amati di tutti i tempi, per raccontare il rapporto tra creatività e follia ed interrogarsi sul ruolo dell’arte nella società di oggi, sarà Alessandro Preziosi diretto da Alessandro Maggi. Il celeberrimo testo di Frayn chiuderà infine la Stagione raccontando una delle pagine più misteriose della storia novecentesca: l’invenzione della bomba atomica durante la Seconda Guerra Mondiale. Lo straordinario valore del testo è esaltato dalla regia di Mauro Avogadro e dell’interpretazione di Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice, un trio di attori di grande spessore, capaci come pochi di restituire al pubblico le infinite sfaccettature psicologiche dei protagonisti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento