Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Uccise una giovane, teatino assolto: "è incapace di intendere e di volere"

Luca D'Alessandro accusato di omicidio per aver strangolato una prostituta ventenne nella notte fra il 23 e il 24 dicembre del 2011 a Francavilla al Mare. Il giovane è stato giudicato con il rito abbreviato

E' stato assolto dal'accusa di omicidio di Elena Silvia Manastireanu il 22enne teatino Luca D'Alessandro perchè "totalmente incapace di intendere e di volere al momento dell'omicidio", secondo la perizia psichiatrica.

La ventenne escort romena venne strangolata al termine di un litigio con il giovane nella notte tra il 23  e il 24 dicembre 2011 un appartamento in via Monte Sirente a Francavilla.

A D'Alessandro, che soffre di una grave patologia psichiatrica e che già da tempo si trova nella struttura di Aversa, il giudice ha applicato la misura di sicurezza in una struttura psichiatrica giudiziaria per 15 anni.

La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Chieti, Antonella Redaelli. A rappresentare l'accusa, il procuratore capo della Repubblica di Chieti Pietro Mennini, che ha chiesto l'assoluzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise una giovane, teatino assolto: "è incapace di intendere e di volere"

ChietiToday è in caricamento