Cronaca

La Teate Virtuale, il progetto venerdì 7 giugno alla Civitella

Viaggio virtuale nell'antica teate nel progetto sviluppato dalla Soprintendenza per i beni archeologici dell'Abruzzo e che verrà presentato venerdì 7 giugno nel corso della manifestazione "La famiglia che fece grande Teate"

Vedere Chieti con gli occhi di oltre 2000 anni fa: anfiteratro, teatro, templi dell’antica Teate ricostruiti in un percorso virtuale offerto a visitatori e turisti del terzo millennio.

E’ possibile grazie al progetto “La Teate degli Asinii: viaggio virtuale nella Chieti di 2000 anni fa”, che verrà illustrato da Sandra Lapenna, archeologa della Soprintendenza per i beni archeologici dell’Abruzzo, il 7 giugno alle 18 presso il  Museo Archeologico La Civitella, nell’ambito delle giornate di studio dedicate a Gaio Asinio Pollione, illustre letterato romano nato nell’antica Teate nel 76 a.C. citato da Catullo e lodato da Virgilio e Orazio per le sue “tragedie”.

Il progetto è stato finanziato dalla Direzione Generale per la valorizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali su proposta della Soprintendenza per i beni archeologici dell’Abruzzo nell’ambito del bando finalizzato a “Promuovere forme innovative di partecipazione culturale”.

Una volta scaricata l’applicazione sul proprio smartphone, tablet o iPhone, il visitatore percorrerà le vie cittadine visualizzando le ricostruzioni in 3D dei principali monumenti dell’antica Teate. Si potrà navigare come in un videogioco immedesimandosi nella città di oltre 2000 anni fa, riconnettendo il virtuale con il reale grazie alla visione dei monumenti nella loro veste originaria, con gli apparati e le parti mancanti integrate digitalmente. Inoltre sarà possibile attingere e gestire contenuti scientifici sui monumenti visitati e accedere a informazioni generali riguardanti la storia dell’antica Teate.

Il progetto prevede un video proiettato in punti di informazione sia in città che in luoghi strategici dove si registrano presenze turistiche significative (aeroporto d’Abruzzo,stazioni ferroviarie,centri turistici costieri). Visite virtuali sono attualmente possibili nei siti antichi di Pompei e Ercolano e dall’anno scorso nell’area archeologica di Iuvanum in provincia di Chieti.

La conclusione del progetto è prevista  a giugno 2014 e ha la collaborazione delle sezioni locali delle principali associazioni culturali italiane: Italia Nostra.FAI,Archeoclub d’Italia e dell’Associazione Gaio Asinio Pollione Onlus di Chieti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Teate Virtuale, il progetto venerdì 7 giugno alla Civitella

ChietiToday è in caricamento