Gissi, tasso vaga in centro storico: i forestali lo recuperano

L'esemplare di tasso che si aggirava in pieno centro urbano, dietro il Palazzo Carunchio, sede del Municipio. La segnalazione era arrivata dagli abitanti di Via Borgo

Un inatteso ospite al risveglio per i residenti di via Borgo a Gissi: un esemplare adulto di tasso (Meles meles L.) si aggirava in un cortile del centro storico, proprio dietro il Palazzo Carunchio, sede del Municipio.

L’animale si è probabilmente intrufolato durante la notte nel cortile alla ricerca di cibo attraverso l’unico varco presente sotto la cancellata chiusa con catena e all’alba non è riuscito a ripercorrere la strada per uscire. Non appena gli abitanti di  via Borgo si sono accorti della sua presenza, hanno chiamato il numero di emergenza ambientale “1515” del Corpo Forestale dello Stato che, giunto prontamente sul posto, ha rintracciato il proprietario del cortile per poter aprire il cancello e catturare l’animale.

La liberazione del carnivoro è avvenuta in una vicina area boschiva, da parte degli stessi Forestali, dopo essersi assicurati della tranquillità del sito, dotato anche di acqua corrente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tasso è, fra i carnivori europei, una delle specie più interessanti, in considerazione delle sue abitudini di vita e per la posizione ecologica che occupa. Tuttavia, questo simpatico animale ha fortemente subito gli effetti negativi della presenza umana, che ne ha fatto registrare, negli ultimi anni, un notevole calo demografico. Un atteggiamento rispettoso ed attento nei confronti degli animali, pertanto, è indispensabile per la salvaguardia stessa dell'ambiente e della sua biodiversità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi in Abruzzo: ci sono 78 nuovi casi

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento