menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

La mareggiata salva la tartaruga impigliata nella plastica: liberata e affidati a specialisti

L'esemplare di Caretta caretta è stata presa in cura dagli esperti del Centro studi cetacei onlus. Ora è nel Centro recupero tartarughe marine 'Luigi Cagnolaro' di Pescara

Era rimasta intrappolata in un groviglio di plastica e cordame, ma la mareggiata di ieri è stata provvidenziale per una tartaruga della specie Caretta Caretta, che ieri è stata spinta a riva, sulla spiaggia di Francavilla al Mare, dal mare mosso. Prima l'hanno soccorsa i bagnanti, poi la Guardia costiera, e infine l'esemplare, chiamato Rosetta, è stato affidato agli esperti del Centro studi cetacei onlus. 

 A giudicare dalle lesioni e dallo scadente stato di nutrizione, la tartaruga era intrappolata da parecchio tempo. Dopo i primi soccorsi, gli esperti del Centro studi cetacei onlus l'hanno trasportata al Centro recupero tartarughe marine 'Luigi Cagnolaro' di Pescara, dove i veterinari e gli altri volontari si si stanno prendendo cura di lei, con la speranza che possa presto tornare in mare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento