Cronaca Lanciano

Ospedale di Lanciano: Di Giuseppantonio dice no a ulteriori tagli

Per il presidente della Provincia la sanità dell'intero Abruzzo meridionale non può continuare a subire tagli indiscriminati, ma merita di essere potenziata

Il presidente Enrico Di Giuseppantonio dice no ai paventati tagli dei posti letti all’ospedale di Lanciano. “Il ‘Renzetti’ e l’intera sanità dell’Abruzzo meridionale non meritano di subire tagli, ma di essere potenziati – dice - Nel caso di Lanciano ne va dell’assistenza di cui beneficia un ampio comprensorio come la Val di Sangro”.

Sembra che le riduzioni riguarderebbero anche dipartimenti e unità complesse. “Non si può utilizzare la spending rewiev per colpire strutture che hanno già ampiamente dimostrato di essere virtuose – sottolinea Di Giuseppantonio – In attesa del futuribile, nuovo ospedale di Lanciano bisogna piuttosto potenziare quello che c’è, valorizzando le strutture e le professionalità che vi operano. Da qui alla fine dell’anno c’è tempo per riconsiderare una serie di fattori ed il mio auspicio – conclude - è che il Governo e la Regione tornino sui loro passi e che a Roma arrivino le istanze e le ragioni di un territorio che non può essere ulteriormente penalizzato”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Lanciano: Di Giuseppantonio dice no a ulteriori tagli

ChietiToday è in caricamento